Proteggere i migranti ed i rifugiati dalle violenze basate sulle differenze di genere, la violazione essenziale dei diritti umani fondamentali.

Amnesty International:
«Protect the refugees from gender-based violence».

of Benedetto Loprete

Protect the migrants and the refugees from the violences based on the differences of gender and on the essential violation of the fundamental human rights in the respect of the international and of the national conventions, of the rules and of the norms of the humanitarian law.

Protect the migrants and the refugees from the violences based on the differences of gender and on the essential violation of the fundamental human rights, developing and implementing the measures for the prevention and for the protection, for the security, for the fight against these actions in the political, in the public and in the social ambits, both at the institutional level and in the intentions and in the actions implemented from the people, are and constitute a humanitarian and a social duties of primary and indispensable global interest for the safety and the well-being of the people and of the communities.

The conditions and the situations concerning the human rights and the basic needs are really dramatic, the peoples and some ethnic and racial groups of some nations are in terrible conditions and the girls and the children are deprived of the affection of their parents and their families, their relatives, the care, the education and the schooling, the well-being and the medical, the mental and the social assistance and the spiritual and the religious assistance, an immediate humanitarian action is really necessary given the needs, the very critical and severe humanitarian primary and elementary needs.

It will not be tolerated and it will not have to be tolerated in any way those actions and comportments at the realization of the abuses, of the aggressions, of the deportations, of the devastation and of the destruction and of all the others actions of the intimidation, of the insults, of the threats, of the harassment, of the physical and of the genital mutilation, of the abuses, of the terrorism, of the torture and of the violence implemented in sexual and non-sexual, cultural, ethnic, religious or racial purposes, these actions are and must be considered, these comportments must be prosecuted, censored and condemned, execrated as crimes, as delicts against the dignity and against all the humanity.

The Europeans and the world governmental and political councilors and the leaders at national, international and transnational level should and could open safe and legal channels and routes for the migrants and for the refugees so that they can reach and possibly legally immigrate, so spend their money and invest their assets in the countries of the European Union and of the world therefore seek asylum and refuge from the persecutions and from the violences inflicted in their nations of origin to start a new safe and dignified life, instead of delivering their life savings to the criminal smugglers and merchants and to the traffickers of the slavery and of the death.

The fulfillment of a humanitarian aid and assistance would allow them to be saved without having to be imprisoned and detained and still persecuted, to be subjected to violence and tortured in identification and imprisonment camps, without having to cross the sea for hundreds of miles in precarious and overcrowded boats or walking in disarray for thousands of kilometers, transporting their children and what little remains of what was what they had, without power or eating or drinking or sleeping, risking to contract and spread epidemic and pandemic diseases, terrible, very serious, even lethal, given the precarious living, hygiene and health conditions in which they live.

We live in a world, at a time when the people have no choice but to escape from their homes and from their countries and rely on the kindness of the strangers to help them start again to rebuild their lives, the governments of the countries to which the flows of the migrants and of the refugees are not doing enough, many of these are holding back these migrants, these refugees in camps and in unsafe centers for the detention and for the identification installed in proximity of the borders and refuse the aid, the care, the humanitarian and the health assistance to millions of people who are in a state of need, of necessity and of extreme difficulty, to then reject them and expel them outside the national territories and the borders, rejecting the requests for the protection and help as well of the humanitarian assistance.

The skin and the lives of the unarmed people and severely forced under persecution, deportations and forced migration, torture and cruel violence meanwhile are used by the parties in conflict in a vile way as barter and exchange goods and as weapons and instruments of blackmail, abuse and violence, these are degrading, inhuman and inhumane treatments and these constitute criminal and cruel actions and comportments, unconstitutional, illegal, illegitimate and violent, all of these situations will have to be eliminated, all the problems concerning the inhuman and degrading abuses, the conditions and the treatments forbidden and considered as unconstitutional, illegal and illegitimate, violent, these actions are and will be considerated crimes and delicts against the humanity and against being human person endowed with a thinking reason and mind.

There are many things that the countries and the governments that govern them could do to give people a safe passage and refuge towards the safety and the salvation, and none of them can exempt themselves from the duty to give the assistance and the help, great things happen and could happen when people gather, in some parts in some other countries of the world people do simple things, small gestures to welcome and to make the newcomers feel welcome in their communities when they welcome them, these actions are and constitute duties and fundamental and unavoidable human rights and are at the base of the sense of the dignity, of the respect and of the civil, ethical, moral, social and human responsibilities on which are founded the international and the national conventions, the rules and the norms of the humanitarian law.

Benedetto Loprete

Amnesty International:
«Proteggere i rifugiati dalla violenza basata sulla differenza di genere».

di Benedetto Loprete

Proteggere i migranti ed i rifugiati dalle violenze basate sulle differenze di genere e dalla violazione essenziale dei diritti umani fondamentali nel rispetto delle convenzioni, delle norme e delle leggi del diritto umanitario nazionale ed internazionale.

Proteggere i migranti ed i rifugiati dalle violenze basate sulle differenze di genere e dalla violazione essenziale dei diritti umani fondamentali, sviluppare ed attuare le misure per la prevenzione e per la salvaguardia, per la sicurezza, per il contrasto di queste azioni negli ambiti politici, pubblici e sociali sia a livello istituzionale sia nelle intenzioni e nelle azioni attuate dalle persone sono e costituiscono doveri umanitari e sociali di primario ed indispensabile interesse globale per la sicurezza ed il bene delle persone e delle comunità.

Le condizioni e le situazioni concernenti i diritti umani ed i bisogni fondamentali sono realmente drammatiche, i popoli ed alcuni gruppi etnici e razziali di alcune nazioni versano in condizioni terribili e le bambine ed i bambini sono privati dellʼaffetto dei loro genitori e dei loro familiari, dei loro parenti, della cura, dellʼeducazione e dellʼistruzione scolastica, del benessere e dellʼassistenza medica, mentale e sociale e dellʼassistenza spirituale e religiosa, è davvero necessaria unʼimmediata azione umanitaria date le esigenze, le necessità umanitarie molto critiche e severe.

Non saranno e non dovranno essere tollerati in alcun modo quelle azioni e quei comportamenti finalizzati al compimento degli abusi, delle aggressioni, delle deportazioni, delle devastazioni e delle distruzioni e di tutte le altre azioni di intimidazione, delle ingiurie, delle minacce, delle molestie, delle mutilazioni fisiche e genitali, dei soprusi, del terrorismo, delle torture e delle violenze attuate a scopo sessuale e non sessuale, culturale, etnico, religioso o razziale, questi sono e devono essere considerati, dovranno essere perseguiti, censurati e condannati, esecrati come crimini, come delitti contro la dignità e contro tutta lʼumanità.

I consiglieri ed i dirigenti governativi e politici europei e mondiali, a livello nazionale, internazionale e transnazionale dovrebbero e potrebbero aprire canali e vie sicure e legali per i migranti e per i rifugiati in modo che essi possano raggiungere ed eventualmente immigrare in modo legale quindi spendere, avendone la disponibilità, i loro soldi, investire i loro averi nei Paesi dellʼUnione Europea e del mondo quindi cercare asilo e rifugio dalle persecuzioni e dalle violenze inflitte nelle loro nazioni di origine per iniziare una nuova vita sicura e dignitosa, invece di consegnare i loro risparmi di una vita ai criminali contrabbandieri ed ai mercanti, ai trafficanti della schiavitù e della morte.

Il compimento di unʼazione umanitaria di aiuto consentirebbe loro la salvezza senza dovere essere imprigionati e detenuti ed ancora perseguitati, essere sottoposti a violenze e torturati in campi di identificazione e di prigionia, senza dovere attraversare il mare per centinaia di miglia in barche precarie e sovraffollate o camminare allo sbando per migliaia di chilometri, trasportando i loro figli e quel poco che rimane di quanto costituiva ciò che avevano, senza potere né mangiare né bere né dormire, rischiando di contrarre e di diffondere malattie epidemiche e pandemiche terribili, gravissime, anche letali, viste le precarie condizioni di vita, igieniche e sanitarie in cui versano.

Viviamo in un mondo, in un momento in cui le persone non hanno altra scelta che fuggire dalle loro case e dai loro paesi e fare affidamento sulla gentilezza degli estranei per aiutarli a ricominciare nuovamente a ricostruirsi una vita, i governi dei paesi verso cui i flussi migratori sono rivolti non stanno facendo abbastanza, molti di questi stanno trattenendo questi migranti, questi rifugiati in campi ed in centri di identificazione e di detenzione non sicuri installati in prossimità delle frontiere e rifiutano lʼaiuto e lʼassistenza umanitaria e sanitaria a milioni di persone che versano in condizione ed in stato di bisogno e di necessità e di estrema difficoltà, per poi respingerli ed espellerli al di fuori dei territori e dei confini nazionali, respingendo le istanze di protezione e di aiuto nonché di assistenza umanitaria.

La pelle e la vita delle persone inermi e severamente costrette sotto persecuzioni, deportazioni e migrazioni forzate, torture e violenze crudeli intanto sono usate dalle parti in conflitto in maniera vile come merce di baratto e di scambio e come armi e strumenti di ricatto, di sopruso e di violenza, questi sono trattamenti degradanti, disumani ed inumani e costituiscono azioni e comportamenti criminali e delittuosi, incostituzionali, illegali ed illegittimi e violenti, siano eliminate tutte le situazioni, tutti i problemi concernenti gli abusi, le condizioni ed i trattamenti inumani e degradanti, proibiti e considerati come incostituzionali, illegali ed illegittimi, violenti. questi sono crimini e delitti contro lʼumanità e contro lʼessere umano dotati di una ragione e di una mente pensanti.

Ci sono molte cose che i paesi ed i governi che li presiedono potrebbero fare per dare alle persone un passaggio ed un rifugio sicuro verso lʼincolumità e la salvezza, e nessuno di loro può esimersi dal dovere di dare assistenza ed aiuto, grandi cose accadono e potrebbero accadere quando le persone si riuniscono, in alcune parti in alcuni altri paesi del mondo le persone fanno cose semplici, gesti piccoli per accogliere e per far sentire i nuovi arrivati benvenuti nelle loro comunità nel momento in cui li accolgono, queste azioni sono e costituiscono doveri e diritti umani fondamentali ed imprescindibili e sono alla base del senso della dignità, del rispetto e delle responsabilità civili, etiche, morali, sociali ed umane su cui sono fondate le convenzioni, le norme e le leggi del diritto umanitario nazionale ed internazionale.

Benedetto Loprete

Images – Immagini:
Asia Alfasi, “PositiveNegatives” (copyrighted, con diritti di autore)
per Amnesty International, “Protect refugees from gender-based violence”.