L’evacuazione dei civili da Aleppo.

Security Council of the United Nations

19th december 2016, 15:30:

Approved “unanimously” the text of the Resolution on the evacuation of the civilians from the zones interested from the military and combat activities and operations in course in Syria in the city of Aleppo.

At the end of the Meeting n. 7841st the Security Council of the United Nations, that has been happened the 19th december 2016 has approved the definitive text of the Resolution n. 2328(2016), concerning the proposal to allow the access and the sending in Syria in the city of Aleppo of a nucleus of international observers, because it could be controlled and monitored the evacuation of the civilians.

The resolution adopted would have to favour the escape and the removal of the unarmed population therefore the collocation and the settlement in other zones or other countries from the zones interested from the activities and the military operations and of combat in course in the area between the various factions, because could happen in sure mode and in the respect of the conventions and of the norms on the human rights on the protection of the life of the people.

The city of Aleppo is interested in the various areas, suburbs and zones from the military and combat activities and operations that are in course in the area between the governmental soldiers and the rebels let alone the militiamen of the islamic state that are being faced in hardest manner, in argument it is own the question of the respect of the conventions and of the norms on the human rights.

The diplomatic representatives therefore have expressed in the course of the Resolution the conditions and the recommendations for the sending of the observers in the city of Aleppo, severely besieged, devastated and reduced by now to the extreme without possibility some of being able to receive aid and humanitarian assistance, so are approved of such dispositions “unanimously”.

In the course of the Security Council they have asked that the United Nations and the other competent institutions can carry out a suitable, direct and neutral observation, assuring and disposing the commitment because it can be settled an ulterior deployment of the personnel of assistance and humanitarian aid if it should be believed and considered necessary.

They have moreover emphasized the importance of the possibility to assure the voluntary, sure passage and decent coming-out of all the civilians from the oriental districts and from the other zones of the city of Aleppo towards a destination of their choice, favoring and privileging with regard to who is found in condition of greater need, difficulty and vulnerability.

They would have to be therefore removed and evacuated from the country how many are seriously injured or mutilated or they are in the risk or in the danger to be persecuted, imprisoned or submitted to violences or to die for ethnic, religious or political reasons in order to search protection and shelter elsewhere.

The diplomatic representatives have invited all the parts to respect and protect all the medical and humanitarian personnel, their medical means of transport and equipments, let alone hospitals and the other centers in all the country without to take these in state of siege, to attack these or to devastate these in any manner.

The General Secretary of the United Nations, Her Excellency Honourable Ban Ki Moon, outgoing for the end of the mandate, and his successor that he will assume the institutional duties and functions from the next 1st january 2017, the General Secretary of the United Nations, Her Excellency Honourable António Guterres have consulted the parts and they have been engaged in the attempt to construct a reasonable dialogue and to obtain an appreciable and concrete result.

The text on which has been founded the agreement between Russia and China from one side and France, Great Britain and United States of America from the other side, after a terrible arm-wrestle played between several vetoes and obstructionisms opposed from the parts, it is yielded in the substance of a modified version of the rough draft of the text of the Resolution proposed from the french diplomatic representatives.

The amendments proposed from the russian representatives that have threatened to oppose the umpteenth veto at the original project have been accepted, insisting on the necessity that should be there the preventive agreement from the Syrian government for the sending and the presence of the observers on the territory.

The diplomatic parts through the Resolution so approved ask to the General Secretary of the United Nations that can be adopted urgent measures so as to propose, enforce the provisions and ensure their execution and respect in coordination with all the interested parts.

The resolution precise the modalities that will have to be putted into effect to the aim to allow and to realize the control and the monitoring of the safeguard and the protection of the fundamental and elementary human rights of aid and assistance of the civil population resident and living or however present in the oriental quarters and in the other zones of the city of Aleppo from the international observers that will be sent and settled there purposely.

Some medical sources have announced that beyond 1000 people they have been evacuated and broughted to safety this morning, after many hours of delay, from the last controlled areas from the rebels outside from the city of Aleppo, second how much is brought back by the television channel “Al Arabiya” that it cites international press regarding how the activities are being developed and how the current situation in the city of Aleppo is evolving.

A convoy constituted of about ten of buses while has broughted in safety this morning the civilians blocked in the shiite villages of Al-Foua and Kefraya, besieged from the rebels, from the militiamen rebels ones anti-Assad, at the same time with the resumption of the transfer of the civilians from Aleppo from the oriental quarters and zones besieged from the armed factions in fighting.

This is how much has been reported from the Syrian Observatory for the human rights (Ondus), organization that has center in Great Britain, the evacuation of the injured and of the other civilians people considered more weak and vulnerable from these two shiite villages are considered by the parts a fundamental legal pre-condition from which execution can not be ignored.

The term has been placed and so established by the government of Damascus and its russian allies and above all by the iranians, because they could be carried out and completed the operations of removal and evacuation from the city of Aleppo from the oriental zone so like from the others its quarters and suburbs.

References:
Meeting n. 7841st of the 19th december 2016 of the Security Council of the United Nations on the situation in the Middle East in Syria, in particular on the necessity to approve a Resolution on the necessity to send the international observers in order to control and to monitor the process of the evacuation and the exit in state of safety of the civilians from the city of Aleppo.
Resolution n. 2328(2016) approved from the Security Council of the United Nations as a result of the Meeting n. 7841st of 19th december 2016 on the situation in the Middle East in Syria, in particular on the necessity to approve a disposition based on a common proposal to send the international observers in order to control and to monitor the process of the evacuation and the exit in state of safety of the civilians from the city of Aleppo.

Enclosure:
Resolution n. 2328(2016) approved from the Security Council of the United Nations as a result of the Meeting n. 7841st of 19th december 2016 on the situation in the Middle East in Syria, in particular on the necessity to approve a disposition based on a common proposal to send the international observers in order to control and to monitor the process of the evacuation and the exit in state of safety of the civilians from the city of Aleppo.

Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite

19 dicembre 2016, 15:30:

Approvato in modo “unanime” il testo della Risoluzione sull’evacuazione dei civili dalle zone interessate dalle attività e dalle operazioni militari e di combattimento in corso in Siria nella città di Aleppo.

Al termine della Riunione n. 7841st il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che si è svolta il 19 dicembre 2016 ha approvato il testo definitivo della Risoluzione n. 2328(2016), concernente la proposta di consentire l’accesso e l’invio in Siria nella città di Aleppo di un nucleo di osservatori internazionali, perché potesse essere controllata e monitorata l’evacuazione dei civili.

La risoluzione adottata dovrebbe favorire l’uscita e l’allontanamento della popolazione inerme quindi la collocazione e lo stanziamento in altre zone od in altri paesi dalle zone interessate dalle attività e dalle operazioni militari e di combattimento in corso nell’area fra le diverse fazioni, perché potessero avvenire in modo sicuro e nel rispetto delle convenzioni e delle norme sui diritti umani e sulla tutela della vita delle persone.

La città di Aleppo è interessata nei diversi quartieri, sobborghi e zone dalle attività e dalle operazioni militari e di combattimento che sono in corso nell’area fra i militari governativi ed i ribelli nonché le milizie dello stato islamico che si stanno fronteggiando in maniera durissima, in discussione è proprio la questione del rispetto delle convenzioni e delle norme sui diritti umani.

I rappresentanti diplomatici hanno quindi espresso nel corso della Risoluzione le condizioni e le raccomandazioni per l’invio degli osservatori nella città di Aleppo, duramente assediata, devastata e ridotta ormai allo stremo senza possibilità alcuna di poter ricevere aiuto ed assistenza umanitaria, sono state così approvate tali disposizioni “all’unanimità”.

Nel corso del Consiglio di Sicurezza essi hanno chiesto che le Nazioni Unite e le altre istituzioni competenti possano svolgere un’osservazione adeguata, diretta e neutrale assicurando e disponendo l’impegno perché possa essere stanziato un’ulteriore dispiegamento del personale di assistenza e di aiuto umanitario se dovesse essere ritenuto e considerato necessario.

Essi hanno inoltre sottolineato l’importanza della possibilità di assicurare il passaggio volontario, sicuro e dignitoso di tutti i civili provenienti dai distretti orientali e dalle altre zone della città di Aleppo verso una destinazione di loro scelta, favorendo e privilegiando al riguardo chi si trovi in condizione di maggiore bisogno, difficoltà e vulnerabilità.

Dovrebbero essere quindi allontanati ed evacuati dal paese quanti siano gravemente feriti o mutilati o corrano il rischio od il pericolo di essere perseguitati, imprigionati o sottoposti a violenze o di morire per motivi etnici, religiosi o politici per cercare protezione e rifugio altrove.

I rappresentanti diplomatici hanno invitato tutte le parti a rispettare ed a proteggere tutto il personale medico ed umanitario, i loro mezzi di trasporto e le attrezzature, nonché gli ospedali e gli altri centri medici in tutto il paese senza prenderli in stato di assedio, attaccarli o devastarli in nessuna maniera.

Il Segretario Generale delle Nazioni Unite, uscente per la fine del mandato, Sua Eccellenza Onorevole Ban Ki Moon ed il suo successore che assumerà le consegne e le funzioni istituzionali dal prossimo 1° gennaio 2017, il Segretario Generale delle Nazioni Unite, Sua Eccellenza Onorevole António Guterres hanno consultato le parti e si sono impegnati nel tentativo di costruire un ragionevole dialogo e di ottenere un risultato apprezzabile e concreto.

Il testo su cui è stato trovato l’accordo tra la Russia e la Cina da un lato e la Francia, la Gran Bretagna e gli Stati Uniti d’America dall’altro lato, dopo un terribile braccio di ferro giocato fra vari veti ed ostruzionismi opposti dalle parti, è il frutto nella sostanza di una versione modificata della bozza del testo della Risoluzione proposta dai rappresentanti diplomatici francesi.

Gli emendamenti proposti da parte dei rappresentanti russi che avevano minacciato di opporre l’ennesimo veto sul progetto originario sono stati quindi accolti, insistendo sulla necessità che ci dovesse essere l’approvazione preventiva del governo siriano per l’invio e la presenza degli osservatori sul territorio.

Le parti diplomatiche attraverso la Risoluzione così approvata chiedono alla Segreteria Generale delle Nazioni Unite che possano essere adottate misure urgenti in modo da proporre, attuare le disposizioni e garantirne l’attuazione ed il rispetto in coordinamento con tutte le parti interessate.

La risoluzione precisa le modalità che dovranno essere attuate al fine di consentire e di realizzare il controllo ed il monitoraggio della salvaguardia e della tutela dei fondamentali ed elementari diritti umani di aiuto e di assistenza della popolazione civile residente e vivente o comunque presente nei quartieri orientali e nelle altre zone della città di Aleppo da parte degli osservatori internazionali che lì saranno inviati e stanziati appositamente.

Alcune fonti mediche hanno reso noto che oltre 1000 persone sono state evacuate e portate in salvo questa mattina, dopo molte ore di ritardo, dalle ultime aree controllate dai ribelli fuori dalla città di Aleppo, secondo quanto è stato riportato dal canale televisivo “Al Arabiya” che cita la stampa internazionale al riguardo di come si stanno svolgendo le attività e di come stia evolvendo la situazione in essere al momento nella città di Aleppo.

Un convoglio costituito da circa una decina di autobus intanto ha portato in salvo stamane i civili asserragliati nei villaggi sciiti di Al-Foua e di Kefraya, assediati dai ribelli, dagli insorti miliziani anti-Assad, contemporaneamente con la ripresa del trasferimento dei civili da Aleppo dai quartieri e dalle zone orientali assediate dalle fazioni armate in conflitto.

Questo è quanto è stato riferito da parte dell’Osservatorio siriano per i diritti umani (Ondus), organizzazione che ha sede in Gran Bretagna, l’evacuazione dei feriti e di altri civili considerati più deboli e vulnerabili da questi due villaggi sciiti è ritenuta dalle parti una pre-condizione negoziale fondamentale dalla cui esecuzione non si può prescindere.

Il termine è stato posto e stabilito così dal governo di Damasco e dai suoi alleati russi e soprattutto dagli iraniani, perché potessero essere effettuate e completate le operazioni di allontanamento e di evacuazione dalla città di Aleppo dalla zona orientale così come dagli altri suoi quartieri e sobborghi.

Riferimenti:
Riunione n. 7841st del 19 dicembre 2016 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite concernente la situazione in Medio Oriente in Siria, riguardante in particolare la necessità di approvare una Risoluzione sulla necessità di inviare degli osservatori internazionali per controllare e monitorare il processo di evacuazione e la fuoriuscita in stato di sicurezza dei civili dalla città di Aleppo.
Risoluzione n. 2328(2016) approvata da parte del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite a seguito della Riunione n. 7841st il 19 dicembre 2016 sulla situazione in Medio Oriente in Siria, in particolare sulla necessità di approvare una disposizione basata su una proposta comune di inviare degli osservatori internazionali per controllare e monitorare il processo di evacuazione e la fuoriuscita in stato di sicurezza dei civili dalla città di Aleppo.

Allegato:
Risoluzione n. 2328(2016) approvata da parte del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite a seguito della Riunione n. 7841st il 19 dicembre 2016 sulla situazione in Medio Oriente in Siria, in particolare sulla necessità di approvare una disposizione basata su una proposta comune di inviare degli osservatori internazionali per controllare e monitorare il processo di evacuazione e la fuoriuscita in stato di sicurezza dei civili dalla città di Aleppo.

Benedetto Loprete