The history of Bassema.

IRAQ, Erbil

23st february 2017, 18:00:

The history of Bassema, Yezidi woman and mother, survived to the violences of the mercenaries militiamen of the islamic state and to the tortures that were inflicted after her arrest.

of Benedetto Loprete

Amnesty International:
Web Site:
https://www.amnesty.org/en/
Twitter:
@amnesty

AmnestyIraq:
Twitter:
@amnestyIraq

Hastag Twitter: #FairTrialForBassema

Bassema and her little girl will soon be free.

A woman ethnic Yezidi, survived to the kidnapping, to the captivity and to the brutal tortures, violences and aggressions that have been inflicted from the mercenaries militiamen of the islamic state, wrongly has been accused based on the anti-terrorism law and has had to face, after having been for a long time in state of preventive custody, a process hinged on circumstantial evidences that has been celebrated the last 21st february 2017 and it has been concluded in the course of a single trial hearing.

Bassema, following to the petitions and to the questions turned from “Amnesty International” and many activists through websites, blogs and written messages, shared and relayed on the social media and on the social networks, it would seem to have been admitted and subjected to a full and fair trial in the respect of the laws and of the norms which was followed from a correct judgment.

According to what has been declared from “Amnesty International”, it would seem that Bassema has been paid already following to the course of the first hearing of the trial proceeding, which has been opened on time, in the course of the expected times and has been quickly concluded and considered all the circumstances for some positive ways in an acquittal “for lack of evidence”, so expressed as a doubt for the moment.

The acquittal so expressed however leaves dared the uncertainty, as the fact has not been defined adopting the formula in order “not having committed the fact, not having committed the crime”, clearing she completely therefore from the imputation that had been ascribed, but the doubtful form “for lack of evidence”, with the consequence that they will have to still continue the investigations for the assessment of the happened facts for which she has been accused.

The case is not closed, it will have to be continued the investigations in order to reconstruct how the facts have effectively, really occured during the course of the operations of liberation from the kidnapping of the woman from her captors, in particular it will be necessary to understand as she has arrived there and in which times therefore to reconstruct her abduction and her kidnapping.

She has been brutally tortured and submitted to violences for at least an entire week after her arrest, that it is happened on the 25th october 2014 and has been forced to sign the preliminary acts and documents without even can reading them, to attest confessions of facts and actions that she never would have done or thought about doing and in this regard there would be not new evidences and testimonies that could emerge and attest to her favor, a dreadful situation, indeed really difficult, hard, where she is found to pour.

The facts are referred at the moment when Bassema has been arrested following to an attempt operated from the kurdish peshmerga to free her from the mercenaries militiamen of the islamic state that had seized her, and they have killed one officer and two soldiers attracting them in a treacherous trap.

Bassema so was afterwards arrested and accused of having them with a subterfuge deceived having hatched this trap, in the course of this dramatic circumstance, because to hasten to in this place where she was been segregated from her captors, of being practically conniver and their accomplice.

They have believed that the woman, subjugated in this state or voluntarily, she was been radicalized and converted to the islamic faith in the most radical fundamentalist form and she had been friendly with the mercenaries militiamen of the islamic state, they have then accused her of plotting a conspiracy, pretending, staging the situation of being kidnapped and abducted with the violence then taken to the cottage.

Bassema has suffered multiple and numerous injuries and tortures including being scourged, severely beaten with cables, violently raped and kept tied to a ladder with ropes and other means and systems of coercion for at least a week when initially she has been imprisoned and detained then interrogated near the Direction of the Anti-Terrorism of the “KRG”, the Kurdistan Regional Government near the Offices of the General Security Directorate of the “KRG”, the Kurdistan Regional Government of the city of Dohuk then transferred in prison in state of arrest and of detention.

Bassema has been then brought and detained in an arbitrary manner with her little daughter in the juvenile prison of the city of Erbil, in the region of the Kurdistan of the Iraq (KR-I). “Amnesty International” about this situation is deeply concerned and it is engaged in remarkable mode in her favor also with reports on the abuses and on the acts of violence, both on the physical level and on the moral level from her suffered in terrible manner.

Bassema is at the moment still detained near the prison “Women and Juvenile Prison”, situated in the region of the Kurdistan of the Iraq (KR-I) in the city of Erbil, with her child, the little daughter and she is mother of others two sons. If the sentence were to express the judgment as a condemnation, she could face the life imprisonment, the condemnation to the jail to life and still suffer numerous other animistic and personal tremendous violations, deprivations and suffering.

It will have to act immediately because Bassema Darwish Khidr Murad, this is her complete name, a woman Yezidi 34-years-old, survived to the kidnapping perpetrated from the mercenaries militiamen of the islamic state, may soon be subjected to a fair and equitable legal process and be judged correctly in relation to the events that have occurred and to the evidence gathered inherent to the possible responsibilities of her and can return soon free with her little child to embrace the others her relatives, her two little ones sons and her husband.

It will have to be exhorted and calling on the authorities to guarantee that it would be respected her legitimate right to be subjected to a fair and due process with a judgment expressed correctly and legally, including her right to have access to a lawyer of her choice to be chosen by her personally for the legal assistance, her right not to testify and not to make statements that might compromise then expose so to risks her person irremediably.

It asks also that it would be and it could be ensured the presence of independent observers which should have to be allowed the free access to the interrogations and to the court hearings concerning her and to conduct independent, impartial and complete investigations about the tortures, the abuses and the violences that from her person have been endured and suffered.

It will be guaranteed that the informations, the confessions or the admissions of the responsibilities extorted and received under torture, violence or duress should be and will be declared ineligible as a source of evidence in the course of the investigations and of the prosecution as well as during the trial proceedings underway against her person focused on circumstantial evidences.

It asks also that it could be guaranteed that Bassema could be admitted to all the necessary forms of medical and psycho-social assistance and care, as well as the consultations, the medical visits and the follow-up, so that she could be helped to overcome the ordeal, the terrible situation so difficult and hard she is facing in this moment of captivity and suffering.

The augury should be that soon Bassema and her little child should be freed, will be freed in the hope that soon she could be reunited with their family of origin and their dearer affections therefore to reconstruct a life and a personal, domestic, familiar and social existence.

References: https://www.amnesty.org/en/documents/mde14/5390/2016/en/.

Enclosures:
Document n. 01:
Document Amnesty International n. MDE145390201 (english);
Document n. 02:
Document Amnesty International n. MDE145390201 (arabic).

Benedetto Loprete

IRAQ, Erbil

23 febbraio 2017, 18:00:

La storia di Bassema, donna e madre Yezidi, sopravvissuta alle violenze dei miliziani mercenari dello stato islamico ed alle torture che le sono state inferte dopo il suo arresto.

di Benedetto Loprete

Amnesty International:
Sito Web:
https://www.amnesty.org/en/
Twitter:
@amnesty

AmnestyIraq:
Twitter:
@amnestyIraq

Hastag Twitter: #FairTrialForBassema

Bassema e la sua piccola bambina siano presto libere.

Una donna di etnia Yezidi, sopravvissuta al rapimento, alla cattività ed alle brutali torture, violenze ed aggressioni che le sono state inferte da parte dei miliziani mercenari dello stato islamico, è stata accusata ingiustamente in base alla legge anti-terrorismo ed ha dovuto affrontare, dopo essere stata per lungo tempo in stato di custodia preventiva, un processo imperniato su evidenze indiziarie che è stato celebrato lo scorso 21 febbraio 2017 ed è stato concluso nello svolgersi di una sola udienza dibattimentale.

Bassema, in seguito alle petizioni ed alle domande rivolte da “Amnesty International” e da tanti attivisti attraverso siti, blog e messaggi scritti, condivisi e rilasciati sui social media e sui social networks, sembrerebbe che sia stata ammessa e sottoposta ad un giusto ed equo processo nel rispetto delle leggi e delle norme da cui è seguito un giudizio corretto.

Stando a quanto sia stato dichiarato da “Amnesty International”, sembrerebbe che Bassema sia stata assolta già in seguito al corso della prima udienza del dibattimento processuale che si è aperto in modo puntuale, nel corso dei tempi previsti e si è concluso in maniera rapida e considerate tutte le circostanze per alcuni versi positiva con un’assoluzione “per mancanza di prove”, così espressa in forma dubitativa per il momento.

L’assoluzione così espressa comunque lascia adito all’incertezza, in quanto non è stata definita adottando la formula per “non aver commesso il fatto, non aver commesso il crimine”, scagionandola del tutto quindi dall’imputazione che le era stata ascritta, ma la forma dubitativa “per mancanza di prove”, con la conseguenza che dovranno ancora proseguire le indagini per l’accertamento dei fatti accaduti per cui è stata accusata.

Il caso non è chiuso, dovranno essere proseguite le indagini per accertare come si siano effettivamente, realmente svolti i fatti durante il corso delle operazioni di liberazione dal sequestro della donna dai suoi aguzzini, in particolare sarà necessario capire come sia arrivata lì ed in quali tempi quindi ricostruire il suo rapimento ed il suo sequestro.

Lei è stata brutalmente torturata e sottoposta a violenze per almeno un’intera settimana dopo il suo arresto, che è avvenuto il 25 ottobre 2014 ed è stata costretta a firmare degli atti e dei documenti preliminari senza poterli nemmeno leggere, per attestare confessioni di fatti e di azioni che mai lei avrebbe compiuto o pensato di compiere ed al riguardo non ci sarebbero nuove prove e testimonianze che potrebbero emergere ed attestare in suo favore, una situazione drammatica, davvero molto difficile, dura, in cui lei si è trovata a versare.

I fatti sono riferiti al momento in cui Bassema è stata arrestata, in seguito ad un tentativo operato dai peshmerga curdi di liberarla dai miliziani mercenari dello stato islamico che l’avevano sequestrata e questi ultimi ne uccisero un ufficiale e due soldati attirandoli in un tranello a tradimento.

Bassema fu così in seguito arrestata ed accusata di averli con un sotterfugio tratti in inganno avendo ordito quella trappola, nel corso di quella drammatica circostanza, perché accorressero in quel luogo dove era stata segregata dai suoi aguzzini, di essere praticamente connivente e loro complice.

Essi ritennero che la donna, soggiogata in quello stato o volontariamente, si fosse radicalizzata e convertita alla fede islamica radicale nella forma più integralista e fosse stata sodale con i miliziani mercenari dello stato islamico, essi l’hanno quindi accusata di aver ordito il complotto, fingendo, inscenando la situazione di essere stata rapita e sequestrata con la violenza quindi portata nel casolare.

Bassema ha subito molteplici e numerose ingiurie e torture tra cui l’essere stata flagellata, battuta severamente con cavi, violentemente stuprata e tenuta legata ad una scala con corde ed altri mezzi e sistemi di coercizione per almeno una settimana quando inizialmente è stata imprigionata e detenuta quindi interrogata presso la Direzione dell’Anti-Terrorismo del “KRG”, il Governo Regionale del Kurdistan presso gli Uffici del “General Security Directorate of the “KRG”, il Governo Regionale del Kurdistan nella città di Dohuk quindi trasferita in prigione in stato di arresto e di detenzione.

Bassema è stata quindi portata e detenuta in maniera arbitraria con la sua piccola figlia nel carcere minorile della città di Erbil, nella regione del Kurdistan iracheno (KR-I). “Amnesty International” al riguardo di questa situazione è fortemente preoccupata ed è impegnata in modo ragguardevole in suo favore anche per le notizie degli abusi e degli atti di violenza, sia a livello fisico sia a livello morale da lei subiti in maniera terribile.

Bassema è al momento ancora detenuta presso la prigione “Women and Juvenile Prison”, situata nella regione del Kurdistan iracheno (KR-I) nella città di Erbil, con la sua bambina, la piccola figlia ed è madre di altri due figli. Se la sentenza dovesse esprimere un giudizio di condanna, potrebbe affrontare l’ergastolo, la condanna al carcere a vita ed ancora soffrire numerose altre tremende violazioni, privazioni e sofferenze animistiche e personali.

Si dovrà agire immediatamente perché Bassema Darwish Khidr Murad, questo è il suo nome completo, una donna Yezidi di 34 anni, sopravvissuta al rapimento perpetrato da parte dei miliziani mercenari dello stato islamico, possa presto essere sottoposta intanto ad un giusto ed equo processo legale ed essere giudicata in modo corretto in merito ai fatti accaduti ed alle prove raccolte inerenti alle sue responsabilità eventuali e possa ritornare presto libera con la sua piccola bambina ad abbracciare gli altri suoi parenti, gli altri suoi due piccoli figli e suo marito.

Dovranno essere esortate e si esortano le autorità a garantire che sia rispettato il suo legittimo diritto ad essere sottoposta ad un processo equo e giusto con un giudizio espresso in modo corretto e legale, comprendendo il suo diritto ad avere accesso ad un avvocato di sua fiducia che sia da lei scelto personalmente per l’assistenza legale, il suo diritto a non testimoniare ed a non rilasciare dichiarazioni che potrebbero comprometterla quindi esporre così a rischi la sua persona in maniera irrimediabile.

Si domanda inoltre che sia e possa essere garantita la presenza di osservatori indipendenti cui dovrebbe essere consentito il libero accesso agli interrogatori ed alle udienze processuali che la riguardano ed a condurre indagini indipendenti, imparziali e complete circa le torture, gli abusi e le violenze che dalla sua persona sono state subite e sofferte.

Dovrà essere garantito inoltre che le informazioni, le confessioni o le ammissioni delle responsabilità estorte e ricevute sotto tortura, violenza o coercizione siano e saranno dichiarate inammissibili come fonte di prova nel corso delle indagini e dei procedimenti nonché nel dibattimento processuale in atto nei confronti della sua persona basato su evidenze indiziarie.

Si chiede inoltre che possa essere garantito che Bassema possa essere ammessa a tutte le necessarie forme di assistenza e di cura medica e psico-sociale, così come alle consulenze, alle visite mediche ed ai follow-up, perché possa essere aiutata a superare il calvario, la terribile situazione così difficile e dura che sta affrontando in questo momento di cattività e di sofferenza.

L’augurio sia che presto Bassema e la sua piccola bambina siano presto liberate, che vengano presto liberate nella speranza che presto possano essere ricongiunte alla loro famiglia di origine ed ai loro affetti più cari quindi ricostruirsi una vita ed un’esistenza personale, domestica, familiare e sociale.

Riferimento: https://www.amnesty.org/en/documents/mde14/5390/2016/en/.

Allegati:
Documento n. 01:
Documento Amnesty International n. MDE145390201 (english);
Documento n. 02:
Documento Amnesty International n. MDE145390201 (arabic).

Benedetto Loprete

amnesty-iraq-fairtrialforbassema