In Evidenza:

Amnesty International:
«Protect the refugees from gender-based violence».

of Benedetto Loprete

Protect the migrants and the refugees from the violences based on the differences of gender and on the essential violation of the fundamental human rights in the respect of the international and of the national conventions, of the rules and of the norms of the humanitarian law.

Protect the migrants and the refugees from the violences based on the differences of gender and on the essential violation of the fundamental human rights, developing and implementing the measures for the prevention and for the protection, for the security, for the fight against these actions in the political, in the public and in the social ambits, both at the institutional level and in the intentions and in the actions implemented from the people, are and constitute a humanitarian and a social duties of primary and indispensable global interest for the safety and the well-being of the people and of the communities.

The conditions and the situations concerning the human rights and the basic needs are really dramatic, the peoples and some ethnic and racial groups of some nations are in terrible conditions and the girls and the children are deprived of the affection of their parents and their families, their relatives, the care, the education and the schooling, the well-being and the medical, the mental and the social assistance and the spiritual and the religious assistance, an immediate humanitarian action is really necessary given the needs, the very critical and severe humanitarian primary and elementary needs.

It will not be tolerated and it will not have to be tolerated in any way those actions and comportments at the realization of the abuses, of the aggressions, of the deportations, of the devastation and of the destruction and of all the others actions of the intimidation, of the insults, of the threats, of the harassment, of the physical and of the genital mutilation, of the abuses, of the terrorism, of the torture and of the violence implemented in sexual and non-sexual, cultural, ethnic, religious or racial purposes, these actions are and must be considered, these comportments must be prosecuted, censored and condemned, execrated as crimes, as delicts against the dignity and against all the humanity.

The Europeans and the world governmental and political councilors and the leaders at national, international and transnational level should and could open safe and legal channels and routes for the migrants and for the refugees so that they can reach and possibly legally immigrate, so spend their money and invest their assets in the countries of the European Union and of the world therefore seek asylum and refuge from the persecutions and from the violences inflicted in their nations of origin to start a new safe and dignified life, instead of delivering their life savings to the criminal smugglers and merchants and to the traffickers of the slavery and of the death.

The fulfillment of a humanitarian aid and assistance would allow them to be saved without having to be imprisoned and detained and still persecuted, to be subjected to violence and tortured in identification and imprisonment camps, without having to cross the sea for hundreds of miles in precarious and overcrowded boats or walking in disarray for thousands of kilometers, transporting their children and what little remains of what was what they had, without power or eating or drinking or sleeping, risking to contract and spread epidemic and pandemic diseases, terrible, very serious, even lethal, given the precarious living, hygiene and health conditions in which they live.

We live in a world, at a time when the people have no choice but to escape from their homes and from their countries and rely on the kindness of the strangers to help them start again to rebuild their lives, the governments of the countries to which the flows of the migrants and of the refugees are not doing enough, many of these are holding back these migrants, these refugees in camps and in unsafe centers for the detention and for the identification installed in proximity of the borders and refuse the aid, the care, the humanitarian and the health assistance to millions of people who are in a state of need, of necessity and of extreme difficulty, to then reject them and expel them outside the national territories and the borders, rejecting the requests for the protection and help as well of the humanitarian assistance.

The skin and the lives of the unarmed people and severely forced under persecution, deportations and forced migration, torture and cruel violence meanwhile are used by the parties in conflict in a vile way as barter and exchange goods and as weapons and instruments of blackmail, abuse and violence, these are degrading, inhuman and inhumane treatments and these constitute criminal and cruel actions and comportments, unconstitutional, illegal, illegitimate and violent, all of these situations will have to be eliminated, all the problems concerning the inhuman and degrading abuses, the conditions and the treatments forbidden and considered as unconstitutional, illegal and illegitimate, violent, these actions are and will be considerated crimes and delicts against the humanity and against being human person endowed with a thinking reason and mind.

There are many things that the countries and the governments that govern them could do to give people a safe passage and refuge towards the safety and the salvation, and none of them can exempt themselves from the duty to give the assistance and the help, great things happen and could happen when people gather, in some parts in some other countries of the world people do simple things, small gestures to welcome and to make the newcomers feel welcome in their communities when they welcome them, these actions are and constitute duties and fundamental and unavoidable human rights and are at the base of the sense of the dignity, of the respect and of the civil, ethical, moral, social and human responsibilities on which are founded the international and the national conventions, the rules and the norms of the humanitarian law.

Benedetto Loprete

Amnesty International:
«Proteggere i rifugiati dalla violenza basata sulla differenza di genere».

di Benedetto Loprete

Proteggere i migranti ed i rifugiati dalle violenze basate sulle differenze di genere e dalla violazione essenziale dei diritti umani fondamentali nel rispetto delle convenzioni, delle norme e delle leggi del diritto umanitario nazionale ed internazionale.

Proteggere i migranti ed i rifugiati dalle violenze basate sulle differenze di genere e dalla violazione essenziale dei diritti umani fondamentali, sviluppare ed attuare le misure per la prevenzione e per la salvaguardia, per la sicurezza, per il contrasto di queste azioni negli ambiti politici, pubblici e sociali sia a livello istituzionale sia nelle intenzioni e nelle azioni attuate dalle persone sono e costituiscono doveri umanitari e sociali di primario ed indispensabile interesse globale per la sicurezza ed il bene delle persone e delle comunitĂ .

Le condizioni e le situazioni concernenti i diritti umani ed i bisogni fondamentali sono realmente drammatiche, i popoli ed alcuni gruppi etnici e razziali di alcune nazioni versano in condizioni terribili e le bambine ed i bambini sono privati dellʼaffetto dei loro genitori e dei loro familiari, dei loro parenti, della cura, dellʼeducazione e dellʼistruzione scolastica, del benessere e dellʼassistenza medica, mentale e sociale e dellʼassistenza spirituale e religiosa, è davvero necessaria unʼimmediata azione umanitaria date le esigenze, le necessità umanitarie molto critiche e severe.

Non saranno e non dovranno essere tollerati in alcun modo quelle azioni e quei comportamenti finalizzati al compimento degli abusi, delle aggressioni, delle deportazioni, delle devastazioni e delle distruzioni e di tutte le altre azioni di intimidazione, delle ingiurie, delle minacce, delle molestie, delle mutilazioni fisiche e genitali, dei soprusi, del terrorismo, delle torture e delle violenze attuate a scopo sessuale e non sessuale, culturale, etnico, religioso o razziale, questi sono e devono essere considerati, dovranno essere perseguiti, censurati e condannati, esecrati come crimini, come delitti contro la dignitĂ  e contro tutta lĘĽumanitĂ .

I consiglieri ed i dirigenti governativi e politici europei e mondiali, a livello nazionale, internazionale e transnazionale dovrebbero e potrebbero aprire canali e vie sicure e legali per i migranti e per i rifugiati in modo che essi possano raggiungere ed eventualmente immigrare in modo legale quindi spendere, avendone la disponibilitĂ , i loro soldi, investire i loro averi nei Paesi dellĘĽUnione Europea e del mondo quindi cercare asilo e rifugio dalle persecuzioni e dalle violenze inflitte nelle loro nazioni di origine per iniziare una nuova vita sicura e dignitosa, invece di consegnare i loro risparmi di una vita ai criminali contrabbandieri ed ai mercanti, ai trafficanti della schiavitĂą e della morte.

Il compimento di unʼazione umanitaria di aiuto consentirebbe loro la salvezza senza dovere essere imprigionati e detenuti ed ancora perseguitati, essere sottoposti a violenze e torturati in campi di identificazione e di prigionia, senza dovere attraversare il mare per centinaia di miglia in barche precarie e sovraffollate o camminare allo sbando per migliaia di chilometri, trasportando i loro figli e quel poco che rimane di quanto costituiva ciò che avevano, senza potere né mangiare né bere né dormire, rischiando di contrarre e di diffondere malattie epidemiche e pandemiche terribili, gravissime, anche letali, viste le precarie condizioni di vita, igieniche e sanitarie in cui versano.

Viviamo in un mondo, in un momento in cui le persone non hanno altra scelta che fuggire dalle loro case e dai loro paesi e fare affidamento sulla gentilezza degli estranei per aiutarli a ricominciare nuovamente a ricostruirsi una vita, i governi dei paesi verso cui i flussi migratori sono rivolti non stanno facendo abbastanza, molti di questi stanno trattenendo questi migranti, questi rifugiati in campi ed in centri di identificazione e di detenzione non sicuri installati in prossimità delle frontiere e rifiutano lʼaiuto e lʼassistenza umanitaria e sanitaria a milioni di persone che versano in condizione ed in stato di bisogno e di necessità e di estrema difficoltà, per poi respingerli ed espellerli al di fuori dei territori e dei confini nazionali, respingendo le istanze di protezione e di aiuto nonché di assistenza umanitaria.

La pelle e la vita delle persone inermi e severamente costrette sotto persecuzioni, deportazioni e migrazioni forzate, torture e violenze crudeli intanto sono usate dalle parti in conflitto in maniera vile come merce di baratto e di scambio e come armi e strumenti di ricatto, di sopruso e di violenza, questi sono trattamenti degradanti, disumani ed inumani e costituiscono azioni e comportamenti criminali e delittuosi, incostituzionali, illegali ed illegittimi e violenti, siano eliminate tutte le situazioni, tutti i problemi concernenti gli abusi, le condizioni ed i trattamenti inumani e degradanti, proibiti e considerati come incostituzionali, illegali ed illegittimi, violenti. questi sono crimini e delitti contro lĘĽumanitĂ  e contro lĘĽessere umano dotati di una ragione e di una mente pensanti.

Ci sono molte cose che i paesi ed i governi che li presiedono potrebbero fare per dare alle persone un passaggio ed un rifugio sicuro verso lʼincolumità e la salvezza, e nessuno di loro può esimersi dal dovere di dare assistenza ed aiuto, grandi cose accadono e potrebbero accadere quando le persone si riuniscono, in alcune parti in alcuni altri paesi del mondo le persone fanno cose semplici, gesti piccoli per accogliere e per far sentire i nuovi arrivati benvenuti nelle loro comunità nel momento in cui li accolgono, queste azioni sono e costituiscono doveri e diritti umani fondamentali ed imprescindibili e sono alla base del senso della dignità, del rispetto e delle responsabilità civili, etiche, morali, sociali ed umane su cui sono fondate le convenzioni, le norme e le leggi del diritto umanitario nazionale ed internazionale.

Benedetto Loprete

Images – Immagini:
Asia Alfasi, “PositiveNegatives” (copyrighted, con diritti di autore)
per Amnesty International, “Protect refugees from gender-based violence”.

Sul Sito:
«Protect the refugees from gender-based violences».

Sul Blog:
«Protect the refugees from gender-based violences».

Editorial Direction, Newsroom and Press, Broadcasting Office.

IRAQ, Mosul

24th february 2017, 18:00:

The correspondent of war Shifa Gardi of the satellite broadcasting television Rudaw to Mosul in Iraq is died while she was documenting the advance of the Iraqi troops against the militiamen of the islamic state.

of Benedetto Loprete

Kurdish journalist Shifa Gardi is died while she was documenting the Iraqi advance to Mosul, in Iraq. The thirty-years-old correspondent of the Kurdish net satellite Rudaw Iraqi is died during the course of an operation of bombing on a road to the west of Mosul.

Her cameraman Yunis Mustafa, following to the outbreak occured, has remained seriously injured.

The young correspondent is died while it was following the combats between the governmental forces and the jihadists of the islamic state in the city submitted to a hardest siege because of the outbreak of a bomb from which she was hit.

The Direction and the Newsroom of “Il Caffè della Carboneria” join with suffering, an embrace and much affection to the Direction and the Newsroom of the Rudaw television broadcasting and to the family of the young colleague Shifa and offer an embrace with affection and solidarity to the colleague Yunis.

Benedetto Loprete

Direzione Editoriale, Ufficio Redazione, Informazione e Stampa.

IRAQ, Mosul

24 febbraio 2017, 18:00:

E’ morta l’inviata di guerra Shifa Gardi dell’emittente satellitare Rudaw a Mosul in Iraq mentre stava documentando l’avanzata delle truppe irachene contro i miliziani dello stato islamico.

di Benedetto Loprete

La giornalista curda Shifa Gardi è morta mentre stava documentando l’avanzata irachena a Mosul, in Iraq. La trentenne corrispondente della rete curda satellitare irachena Rudaw è morta durante il corso di un’operazione di bombardamento su una strada a ovest di Mosul.

Il suo cameraman Yunis Mustafa, in seguito all’esplosione avvenuta, è rimasto gravemente ferito.

La giovane inviata è morta mentre stava seguendo i combattimenti tra le forze governative ed i jihadisti dello stato islamico nella città sottoposta ad un durissimo assedio a causa dell’esplosione di una bomba da cui è stata colpita.

La Direzione e la Redazione de “Il Caffè della Carboneria” si uniscono con sofferenza, con un abbraccio e tanto affetto alla Direzione ed alla Redazione dell’emittente televisiva Rudaw ed alla famiglia della giovane collega Shifa ed offre con affetto un abbraccio e solidarietà al collega Yunis.

Benedetto Loprete

sul Sito:
“La morte della giovane giornalista Shifa Gardi, inviata corrispondente RUDAW in Iraq a Mosul”;

sul Blog:
“La morte della giovane giornalista Shifa Gardi, inviata corrispondente RUDAW in Iraq a Mosul”.

“Il discorso della luna” di Papa Giovanni XXIII:
«“TORNANDO A CASA, TROVERETE I BAMBINI”; date una carezza ai vostri bambini e dite: “QUESTA E’ LA CAREZZA DEL PAPA”».

Il discorso offerto alla folla riunita in Piazza San Pietro per la fiaccolata serale di apertura del “Concilio Ecumenico Vaticano II” l’11 ottobre 1962, dalla finestra del Palazzo Apostolico della Città del Vaticano.

di Benedetto Loprete

«“TORNANDO A CASA, TROVERETE I BAMBINI”; date una carezza ai vostri bambini e dite: “QUESTA E’ LA CAREZZA DEL PAPA”».

“Il discorso della luna”:

«Cari figliuoli, sento le vostre voci. La mia è una voce sola, ma riassume la voce del mondo intero; qui tutto il mondo è rappresentato. Si direbbe che persino la luna si è affrettata, stasera – osservatela in alto! – a guardare a questo spettacolo.

Noi chiudiamo una grande giornata di pace; di pace: «Gloria a Dio, e pace agli uomini di buona volontà». Ripetiamo spesso questo augurio e quando possiamo dire che veramente il raggio, la dolcezza della pace del Signore ci unisce e ci prende, noi diciamo: “Ecco qui un saggio di quello che dovrebbe essere la vita, sempre, di tutti i secoli, e della vita che ci attende per l’eternità”.

Dite un poco: se domandassi, potessi domandare a ciascuno: “Voi da che parte venite?”, i figli di Roma che sono qui specialmente rappresentanti, risponderebbero: “Noi siamo i vostri figliuoli più vicini, Voi siete il Vescovo di Roma”. Ma voi, figliuoli di Roma, voi sentite di rappresentare veramente la Roma “caput mundi”, così come nella Provvidenza è stata chiamata ad essere: per la diffusione della verità e della pace cristiana.

In queste parole c’è la risposta al vostro omaggio. La mia persona conta niente, è un fratello che parla a voi, diventato padre per la volontà di Nostro Signore, ma tutt’insieme: paternità e fraternità e grazia di Dio, tutto, tutto!

Continuiamo, dunque, a volerci bene, a volerci bene così, a volerci bene così, guardandoci così nell’incontro, cogliere quello che ci unisce, lasciar da parte quello – se c’è – qualche cosa che ci può tenere un po’ in difficoltà.

Niente: “Fratres sumus!” La luce che splende sopra di noi, che è nei nostri cuori, che è nelle nostre coscienze, è luce di Cristo, il quale veramente vuol dominare, con la grazia sua, tutte le anime.

Stamattina è stato uno spettacolo che neppure la Basilica di San Pietro, che ha quattro secoli di storia, non ha mai potuto contemplare.

Apparteniamo quindi ad un’epoca, nella quale siamo sensibili alle voci dall’alto: e vogliamo essere fedeli e stare secondo l’indirizzo che il Cristo benedetto ci ha fatto. Finisco, dandovi la benedizione. Accanto a me amo invitare la Madonna santa e benedetta, di cui oggi ricordiamo il grande mistero.

Ho sentito qualcuno di voi che ha ricordato Efeso e le lampade accese intorno alla basilica di là, che io ho veduto con i miei occhi, non a quei tempi, si capisce, ma recentemente, e che ricorda la proclamazione del dogma della divina maternità di Maria. Ebbene, invocando lei, alzando tutti insieme lo sguardo verso Gesù benedetto, il figliol suo, ripensando a quello che è con voi, a quello che è nelle vostre famiglie, di gioia, di pace e anche, un poco, di tribolazione e di tristezza, la grande benedizione accoglietela di buon animo.

Questa sera lo spettacolo offertomi è tale da restare ancora nella mia memoria, come resterà nella vostra. Facciamo onore alla impressione di questa sera. Che siano sempre i nostri sentimenti come ora li esprimiamo davanti al cielo e davanti alla terra: fede, speranza, carità, amore di Dio, amore dei fratelli; e poi, tutti insieme, aiutati così nella santa pace del Signore, alle opere del bene!

«“TORNANDO A CASA, TROVERETE I BAMBINI”; date una carezza ai vostri bambini e dite: “QUESTA E’ LA CAREZZA DEL PAPA”». Troverete qualche lacrima da asciugare. Fate qualcosa, dite una parola buona. Il Papa è con noi specialmente nelle ore della tristezza e dell’amarezza.

E poi, tutti insieme ci animiamo cantando, sospirando, piangendo, ma sempre sempre pieni di fiducia nel Cristo che ci aiuta e che ci ascolta, continuare e riprendere il nostro cammino».

Sua Santità Eccellenza San Papa Giovanni XXIII, detto anche il “Papa Buono”, già Cardinale Giuseppe Angelo Roncalli, 261º Papa della Chiesa Cattolica, Vescovo di Roma e Primate d’Italia.

Questo davvero bellissimo e commovente discorso fu pronunciato “a braccio” l’11 ottobre 1962, dalla finestra del Palazzo Apostolico della Città del Vaticano, alla folla riunita in Piazza San Pietro per la fiaccolata serale di apertura del “Concilio Ecumenico Vaticano II”.

Benedetto Loprete

Sul Sito:
“Il discorso della luna” di Papa Giovanni XXIII:
«“TORNANDO A CASA, TROVERETE I BAMBINI”; date una carezza ai vostri bambini e dite: “QUESTA E’ LA CAREZZA DEL PAPA”».

Sul Blog:
“Il discorso della luna” di Papa Giovanni XXIII:
«“TORNANDO A CASA, TROVERETE I BAMBINI”; date una carezza ai vostri bambini e dite: “QUESTA E’ LA CAREZZA DEL PAPA”».

L’invito a “non avere paura”:
Il discorso di Sua Santità Eccellenza San Papa Giovanni Paolo II offerto alla Cerimonia dell’Inizio del Pontificato il 22 ottobre del 1978.

di Benedetto Loprete

«“Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo!”».

Sua SantitĂ  Eccellenza San Papa Giovanni Paolo II, giĂ  Cardinale Karol Wojtyla, 264Âş Papa della Chiesa Cattolica e Vescovo di Roma.

«“Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo!”».

Alla sua salvatrice potestà aprite i confini degli Stati, i sistemi economici come quelli politici, i vasti campi di cultura, di civiltà, di sviluppo. Non abbiate paura! Cristo sa “cosa è dentro l’uomo”. Solo lui lo sa!

Oggi così spesso l’uomo non sa cosa si porta dentro, nel profondo del suo animo, del suo cuore. Così spesso è incerto del senso della sua vita su questa terra.
E’ invaso dal dubbio che si tramuta in disperazione. «“Permettete, quindi – vi prego, vi imploro con umiltĂ  e con fiducia – permettete a Cristo di parlare all’uomo. Solo lui ha parole di vita, sì! Di vita eterna”».

Sua SantitĂ  Eccellenza San Papa Giovanni Paolo II, giĂ  Cardinale Karol Wojtyla, 264Âş Papa della Chiesa Cattolica e Vescovo di Roma.

Benedetto Loprete

Sul Sito:
L’invito a “non avere paura”:
Il discorso di Sua Santità Eccellenza San Papa Giovanni Paolo II offerto alla Cerimonia dell’Inizio del Pontificato il 22 ottobre del 1978.

Sul Blog:
L’invito a “non avere paura”:
Il discorso di Sua Santità Eccellenza San Papa Giovanni Paolo II offerto alla Cerimonia dell’Inizio del Pontificato il 22 ottobre del 1978.

L’anatema di Sua Santità Eccellenza San Papa Giovanni Paolo II, proferito il 9 maggio 1993 nella “Valle dei Templi” ad Agrigento contro la mafia, l’appello alla conversione delle anime, dei cuori e delle menti.

di Benedetto Loprete

«“Convertitevi!”, una volta, un giorno, “verrà il giudizio di Dio!”»

Sua SantitĂ  Eccellenza San Papa Giovanni Paolo II, giĂ  Cardinale Karol Wojtyla, 264Âş Papa della Chiesa Cattolica e Vescovo di Roma.

«“Che sia concordia!”»

Dio ha detto una volta:

«“NON UCCIDERE!”, Non può l’uomo, qualsiasi uomo, “non può cambiare e calpestare questo “diritto santissimo” di Dio!”»

Questo popolo talmente attaccato alla vita, popolo che ama la vita, che dà la vita, “non può vivere sempre sotto la pressione di una civiltà contraria, civiltà della morte!” Nel nome di questo Cristo crocifisso e risorto, di questo Cristo che è vita, via, verità e vita lo dico ai responsabili:

«“Convertitevi!”, una volta, un giorno, “verrà il giudizio di Dio!”»

Sua SantitĂ  Eccellenza San Papa Giovanni Paolo II, giĂ  Cardinale Karol Wojtyla, 264Âş Papa della Chiesa Cattolica e Vescovo di Roma.

Benedetto Loprete

Sul Sito:
L’anatema contro la mafia proferito il 9 maggio 1993 nella “Valle dei Templi” ad Agrigento da Sua Santità Eccellenza San Papa Giovanni Paolo II, l’appello alla conversione delle anime, dei cuori e delle menti.

Sul Blog:
L’anatema contro la mafia proferito il 9 maggio 1993 nella “Valle dei Templi” ad Agrigento da Sua Santità Eccellenza San Papa Giovanni Paolo II, l’appello alla conversione delle anime, dei cuori e delle menti.

Direzione Editoriale, Ufficio Redazione, Informazione e Stampa.

VERITAĘĽ PER GIULIO REGENI.

di Benedetto Loprete

Sia presto fatta piena LUCE e detta la #VERITAĘĽ PER GIULIO REGENI.

VERITAĘĽ PER GIULIO REGENI.

Benedetto Loprete

Editorial Direction, Newsroom and Press, Broadcasting Office.

The bombing in Syria, the massacre of children.

of Benedetto Loprete

ENOUGH to massacre of children in Syria, a really moral outrage. It doing very few to stop bombing against children.

Benedetto Loprete

Direzione Editoriale, Ufficio Redazione, Informazione e Stampa.

I bombardamenti in Siria, il massacro dei bambini.

di Benedetto Loprete

BASTA alle stragi di bambini in Siria, un vero oltraggio morale. Si sta facendo troppo poco fermare i bombardamenti.

Benedetto Loprete

The sense of the responsibility.

of Benedetto Loprete

«It can be given you are not responsible for the situation in which you found, but it you will become yourselves if you will not make nothing in order to change it».

Martin Luther King
Minister of the Church Baptist, Writer and American Politician.

Benedetto Loprete

Il senso della responsabilitĂ .

di Benedetto Loprete

«Può darsi non siate responsabili per la situazione in cui vi trovate, ma lo diventerete se non farete nulla per cambiarla».

Martin Luther King
Ministro della Chiesa Battista, Scrittore e Uomo politico statunitense.

Benedetto Loprete

The right and the freedom of expression of the thought and the written word and speech. The correctness and the truthfulness of the information.

of Benedetto Loprete

«If you’re not careful, the newspapers will have you hating the people who are being oppressed, and loving the people who are doing the oppressing».

Malcom X (alias Malcom Little)
Writer and American Politician.

Benedetto Loprete

Il diritto e la libertĂ  di espressione del pensiero e della parola scritta e parlata. La correttezza e la veridicitĂ  dell’informazione.

di Benedetto Loprete

«Se non starete attenti, i giornali vi diranno che odiate la gente che vi sta opprimendo ed amate la gente che sta facendo l’oppressione».

Malcom X (alias Malcom Little)
Scrittore e Uomo politico statunitense.

Benedetto Loprete

Writing, reading and interpreting a book.

of Benedetto Loprete

The most technologically efficient machine that the man could ever invented is the book.

Northrop Frye

Benedetto Loprete

La scrittura, la lettura e l’interpretazione di un libro.

di Benedetto Loprete

La macchina tecnologicamente più efficiente che l’uomo abbia potuto mai inventare è il libro.

Northrop Frye

Benedetto Loprete

Editorial Direction, Newsroom and Press, Broadcasting Office.

Critical minds for critical times.

of Benedetto Loprete

The role of the Media in advancing peaceful, just and inclusive societes.
span style=”color: #0000ff;”>#PressFreedom; #WPFD2017.

Benedetto Loprete

Direzione Editoriale, Ufficio Redazione, Informazione e Stampa.

Pensieri critici per tempi critici.

di Benedetto Loprete

Il ruolo dei media nel promuovere realtĂ  sociali pacifiche, giuste ed inclusive.
#PressFreedom; #WPFD2017.

Benedetto Loprete

Editorial Direction, Newsroom and Press, Broadcasting Office.

2nd november 2017, 18:00:

The press and the freedom of the expression and of the information. The correctness and the truthfulness of the information. The aggression and the violence, the intimidation and the threats, the criminal and the delinquent method and systems of the mafia.
“#END Impunity for crimes against journalists”.

of Benedetto Loprete

The right and the freedom of the expression of the information, of the speech, of the thought and of the writing are essential and fundamental, undeniable and inviolable, legal and legitimate, regulated from the constitutional rules.

We are all united against the blows inflicted with the rotten and the violent heads and with the sticks, the knuckles, the insults, the intimations and the threats of the mafia, the blunt bodies and the beatings to attack and threaten, to cause suffering, violence and death to those who diffuse the information through the editorial and journalistic profession.

Benedetto Loprete

Direzione Editoriale, Ufficio Redazione, Informazione e Stampa.

2 novembre 2017, 18:00:

La stampa e la libertĂ  di espressione e di informazione. La correttezza e la veridicitĂ  delle informazioni. Le aggressioni e le violenze, le intimidazioni e le minacce, il metodo ed i sistemi criminali e delinquenziali della mafia.
“#END Impunity for crimes against journalists”.

di Benedetto Loprete

Il diritto e la libertĂ  di espressione dellĘĽinformazione, della parola, del pensiero e dello scritto sono essenziali e fondamentali, innegabili ed inviolabili, legali e legittimi, regolati dalle norme costituzionali.

Tutti siamo uniti contro i colpi inferti con le teste marce e violente e con i bastoni, i tirapugni, gli insulti, le intimidazioni e le minacce della mafia e dei mafiosi, i corpi contundenti e le percosse per aggredire e minacciare, per arrecare sofferenza, violenza e morte a chi diffonde lĘĽinformazione attraverso la professione editoriale e giornalistica.

Benedetto Loprete

Sul Sito:
2nd november 2017
#END Impunity for crimes against journalists
.

Sul Blog:
2nd november 2017
#END Impunity for crimes against journalists
.

Editorial Direction, Newsroom and Press, Broadcasting Office.

2nd november 2016, 18:00:

The information, the press and the censure. The information, the press and the freedom of the expression and of the information.
The correctness and the truthfulness of the information.
The aggression and the violence, the intimidation and the threats.
“#END Impunity for crimes against journalists”.

of Benedetto Loprete

«I pay tribute to the courage of all media personnel who put their lives on the line for the sake of truth.
And I call for immediate action to secure justice in cases where journalists were attacked, harassed or killed».

Ban Ki-Moon
Former General-Secretary of the United Nations.

Benedetto Loprete

Direzione Editoriale, Ufficio Redazione, Informazione e Stampa.

2 novembre 2016, 18:00:

L’informazione, la stampa e la censura. L’informazione, la stampa e la libertà di espressione e di informazione.
La correttezza e la veridicitĂ  delle informazioni.
Le aggressioni e le violenze, le intimidazioni e le minacce.
“#END Impunity for crimes against journalists”.

di Benedetto Loprete

«Rendo omaggio al coraggio di tutto il personale dei media che mette le loro vite sulla linea della ricerca per la verità.
E richiedo un’azione immediata per assicurare la giustizia nei casi in cui i giornalisti fossero attaccati, tormentati o uccisi».

Ban Ki-Moon
GiĂ  Segretario Generale delle Nazioni Unite.

Benedetto Loprete

Sul Sito:
2nd november 2016
#END Impunity for crimes against journalists
.

Sul Blog:
2nd november 2016
#END Impunity for crimes against journalists
.

Direzione Editoriale, Ufficio Redazione, Informazione e Stampa.

Il diritto e la libertà di espressione del pensiero e della parola scritta e parlata, l’Articolo 21 della Costituzione della Repubblica Italiana.

di Benedetto Loprete

La Costituzione della Repubblica Italiana

Parte I
Diritti e doveri dei cittadini

Titolo I
Rapporti civili

Articolo 21

Tutti hanno diritto di manifestare liberamente il proprio pensiero con la parola, lo scritto e ogni altro mezzo di diffusione.

La stampa non può essere soggetta ad autorizzazioni o censure.

Si può procedere a sequestro soltanto per atto motivato dell’autorità giudiziaria [cfr. Art. 111, Comma 1 del Codice di Procedura Penale] nel caso di delitti, per i quali la legge sulla stampa espressamente lo autorizzi, o nel caso di violazione delle norme che la legge stessa prescriva per l’indicazione dei responsabili.

In tali casi, quando vi sia assoluta urgenza e non sia possibile il tempestivo intervento dell’autorità giudiziaria, il sequestro della stampa periodica può essere eseguito da ufficiali di polizia giudiziaria, che devono immediatamente, e non mai oltre ventiquattro ore, fare denunzia all’autorità giudiziaria.

Se questa non lo convalida nelle ventiquattro ore successive, il sequestro s’intende revocato e privo d’ogni effetto.

La legge può stabilire, con norme di carattere generale, che siano resi noti i mezzi di finanziamento della stampa periodica.

Sono vietate le pubblicazioni a stampa, gli spettacoli e tutte le altre manifestazioni contrarie al buon costume. La legge stabilisce provvedimenti adeguati a prevenire e a reprimere le violazioni.

Fonte: Costituzione della Repubblica Italiana
pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, Parte Prima, Edizione Straordinaria n. 298 del 27-12-1947, p. 3802-3816.
Fonte di riferimento: Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, Parte Prima, pubblicata dall’I.P.Z.S.-Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato.

Fonte: Costituzione della Repubblica Italiana
pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana, Parte Prima, Edizione Straordinaria n. 298 del 27-12-1947, p. 3802-3816.
Fonte di riferimento:
Presidenza della Repubblica Italiana
Costituzione della Repubblica Italiana, Edizione con note, p. 3-67, pubblicata dall’I.P.Z.S.-Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato.

Benedetto Loprete

Sul Sito:
Il diritto e la libertà di espressione del pensiero e della parola scritta e parlata, l’Articolo 21 della Costituzione della Repubblica Italiana.

Sul Blog:
Il diritto e la libertà di espressione del pensiero e della parola scritta e parlata, l’Articolo 21 della Costituzione della Repubblica Italiana.

Last between the last ones I am on this earth…

of Benedetto Loprete

«Last between the last ones i am and i will be on this earth…»

Benedetto Loprete

Ultimo fra gli ultimi sono io su questa terra…

di Benedetto Loprete

«Ultimo fra gli ultimi sono e sarò io su questa terra…»

Benedetto Loprete

IRAQ, Erbil

23st february 2017, 18:00:

The history of Bassema, Yezidi woman and mother, survived to the violences of the mercenaries militiamen of the islamic state and to the tortures that were inflicted after her arrest.

of Benedetto Loprete

Amnesty International:
Web Site:
https://www.amnesty.org/en/
Twitter:
@amnesty

AmnestyIraq:
Twitter:
@amnestyIraq

Hastag Twitter: #FairTrialForBassema

Bassema and her little girl will soon be free.

A woman ethnic Yezidi, survived to the kidnapping, to the captivity and to the brutal tortures, violences and aggressions that have been inflicted from the mercenaries militiamen of the islamic state, wrongly has been accused based on the anti-terrorism law and has had to face, after having been for a long time in state of preventive custody, a process hinged on circumstantial evidences that has been celebrated the last 21st february 2017 and it has been concluded in the course of a single trial hearing.

Bassema, following to the petitions and to the questions turned from “Amnesty International” and many activists through websites, blogs and written messages, shared and relayed on the social media and on the social networks, it would seem to have been admitted and subjected to a full and fair trial in the respect of the laws and of the norms which was followed from a correct judgment.

According to what has been declared from “Amnesty International”, it would seem that Bassema has been paid already following to the course of the first hearing of the trial proceeding, which has been opened on time, in the course of the expected times and has been quickly concluded and considered all the circumstances for some positive ways in an acquittal “for lack of evidence”, so expressed as a doubt for the moment.

The acquittal so expressed however leaves dared the uncertainty, as the fact has not been defined adopting the formula in order “not having committed the fact, not having committed the crime”, clearing she completely therefore from the imputation that had been ascribed, but the doubtful form “for lack of evidence”, with the consequence that they will have to still continue the investigations for the assessment of the happened facts for which she has been accused.

The case is not closed, it will have to be continued the investigations in order to reconstruct how the facts have effectively, really occured during the course of the operations of liberation from the kidnapping of the woman from her captors, in particular it will be necessary to understand as she has arrived there and in which times therefore to reconstruct her abduction and her kidnapping.

She has been brutally tortured and submitted to violences for at least an entire week after her arrest, that it is happened on the 25th october 2014 and has been forced to sign the preliminary acts and documents without even can reading them, to attest confessions of facts and actions that she never would have done or thought about doing and in this regard there would be not new evidences and testimonies that could emerge and attest to her favor, a dreadful situation, indeed really difficult, hard, where she is found to pour.

The facts are referred at the moment when Bassema has been arrested following to an attempt operated from the kurdish peshmerga to free her from the mercenaries militiamen of the islamic state that had seized her, and they have killed one officer and two soldiers attracting them in a treacherous trap.

Bassema so was afterwards arrested and accused of having them with a subterfuge deceived having hatched this trap, in the course of this dramatic circumstance, because to hasten to in this place where she was been segregated from her captors, of being practically conniver and their accomplice.

They have believed that the woman, subjugated in this state or voluntarily, she was been radicalized and converted to the islamic faith in the most radical fundamentalist form and she had been friendly with the mercenaries militiamen of the islamic state, they have then accused her of plotting a conspiracy, pretending, staging the situation of being kidnapped and abducted with the violence then taken to the cottage.

Bassema has suffered multiple and numerous injuries and tortures including being scourged, severely beaten with cables, violently raped and kept tied to a ladder with ropes and other means and systems of coercion for at least a week when initially she has been imprisoned and detained then interrogated near the Direction of the Anti-Terrorism of the “KRG”, the Kurdistan Regional Government near the Offices of the General Security Directorate of the “KRG”, the Kurdistan Regional Government of the city of Dohuk then transferred in prison in state of arrest and of detention.

Bassema has been then brought and detained in an arbitrary manner with her little daughter in the juvenile prison of the city of Erbil, in the region of the Kurdistan of the Iraq (KR-I). “Amnesty International” about this situation is deeply concerned and it is engaged in remarkable mode in her favor also with reports on the abuses and on the acts of violence, both on the physical level and on the moral level from her suffered in terrible manner.

Bassema is at the moment still detained near the prison “Women and Juvenile Prison”, situated in the region of the Kurdistan of the Iraq (KR-I) in the city of Erbil, with her child, the little daughter and she is mother of others two sons. If the sentence were to express the judgment as a condemnation, she could face the life imprisonment, the condemnation to the jail to life and still suffer numerous other animistic and personal tremendous violations, deprivations and suffering.

It will have to act immediately because Bassema Darwish Khidr Murad, this is her complete name, a woman Yezidi 34-years-old, survived to the kidnapping perpetrated from the mercenaries militiamen of the islamic state, may soon be subjected to a fair and equitable legal process and be judged correctly in relation to the events that have occurred and to the evidence gathered inherent to the possible responsibilities of her and can return soon free with her little child to embrace the others her relatives, her two little ones sons and her husband.

It will have to be exhorted and calling on the authorities to guarantee that it would be respected her legitimate right to be subjected to a fair and due process with a judgment expressed correctly and legally, including her right to have access to a lawyer of her choice to be chosen by her personally for the legal assistance, her right not to testify and not to make statements that might compromise then expose so to risks her person irremediably.

It asks also that it would be and it could be ensured the presence of independent observers which should have to be allowed the free access to the interrogations and to the court hearings concerning her and to conduct independent, impartial and complete investigations about the tortures, the abuses and the violences that from her person have been endured and suffered.

It will be guaranteed that the informations, the confessions or the admissions of the responsibilities extorted and received under torture, violence or duress should be and will be declared ineligible as a source of evidence in the course of the investigations and of the prosecution as well as during the trial proceedings underway against her person focused on circumstantial evidences.

It asks also that it could be guaranteed that Bassema could be admitted to all the necessary forms of medical and psycho-social assistance and care, as well as the consultations, the medical visits and the follow-up, so that she could be helped to overcome the ordeal, the terrible situation so difficult and hard she is facing in this moment of captivity and suffering.

The augury should be that soon Bassema and her little child should be freed, will be freed in the hope that soon she could be reunited with their family of origin and their dearer affections therefore to reconstruct a life and a personal, domestic, familiar and social existence.

References: https://www.amnesty.org/en/documents/mde14/5390/2016/en/.

Enclosures:
Document n. 01:
Document Amnesty International n. MDE145390201 (english);
Document n. 02:
Document Amnesty International n. MDE145390201 (arabic).

Benedetto Loprete

IRAQ, Erbil

23 febbraio 2017, 18:00:

La storia di Bassema, donna e madre Yezidi, sopravvissuta alle violenze dei miliziani mercenari dello stato islamico ed alle torture che le sono state inferte dopo il suo arresto.

di Benedetto Loprete

Amnesty International:
Sito Web:
https://www.amnesty.org/en/
Twitter:
@amnesty

AmnestyIraq:
Twitter:
@amnestyIraq

Hastag Twitter: #FairTrialForBassema

Bassema e la sua piccola bambina siano presto libere.

Una donna di etnia Yezidi, sopravvissuta al rapimento, alla cattività ed alle brutali torture, violenze ed aggressioni che le sono state inferte da parte dei miliziani mercenari dello stato islamico, è stata accusata ingiustamente in base alla legge anti-terrorismo ed ha dovuto affrontare, dopo essere stata per lungo tempo in stato di custodia preventiva, un processo imperniato su evidenze indiziarie che è stato celebrato lo scorso 21 febbraio 2017 ed è stato concluso nello svolgersi di una sola udienza dibattimentale.

Bassema, in seguito alle petizioni ed alle domande rivolte da “Amnesty International” e da tanti attivisti attraverso siti, blog e messaggi scritti, condivisi e rilasciati sui social media e sui social networks, sembrerebbe che sia stata ammessa e sottoposta ad un giusto ed equo processo nel rispetto delle leggi e delle norme da cui è seguito un giudizio corretto.

Stando a quanto sia stato dichiarato da “Amnesty International”, sembrerebbe che Bassema sia stata assolta già in seguito al corso della prima udienza del dibattimento processuale che si è aperto in modo puntuale, nel corso dei tempi previsti e si è concluso in maniera rapida e considerate tutte le circostanze per alcuni versi positiva con un’assoluzione “per mancanza di prove”, così espressa in forma dubitativa per il momento.

L’assoluzione così espressa comunque lascia adito all’incertezza, in quanto non è stata definita adottando la formula per “non aver commesso il fatto, non aver commesso il crimine”, scagionandola del tutto quindi dall’imputazione che le era stata ascritta, ma la forma dubitativa “per mancanza di prove”, con la conseguenza che dovranno ancora proseguire le indagini per l’accertamento dei fatti accaduti per cui è stata accusata.

Il caso non è chiuso, dovranno essere proseguite le indagini per accertare come si siano effettivamente, realmente svolti i fatti durante il corso delle operazioni di liberazione dal sequestro della donna dai suoi aguzzini, in particolare sarà necessario capire come sia arrivata lì ed in quali tempi quindi ricostruire il suo rapimento ed il suo sequestro.

Lei è stata brutalmente torturata e sottoposta a violenze per almeno un’intera settimana dopo il suo arresto, che è avvenuto il 25 ottobre 2014 ed è stata costretta a firmare degli atti e dei documenti preliminari senza poterli nemmeno leggere, per attestare confessioni di fatti e di azioni che mai lei avrebbe compiuto o pensato di compiere ed al riguardo non ci sarebbero nuove prove e testimonianze che potrebbero emergere ed attestare in suo favore, una situazione drammatica, davvero molto difficile, dura, in cui lei si è trovata a versare.

I fatti sono riferiti al momento in cui Bassema è stata arrestata, in seguito ad un tentativo operato dai peshmerga curdi di liberarla dai miliziani mercenari dello stato islamico che l’avevano sequestrata e questi ultimi ne uccisero un ufficiale e due soldati attirandoli in un tranello a tradimento.

Bassema fu così in seguito arrestata ed accusata di averli con un sotterfugio tratti in inganno avendo ordito quella trappola, nel corso di quella drammatica circostanza, perché accorressero in quel luogo dove era stata segregata dai suoi aguzzini, di essere praticamente connivente e loro complice.

Essi ritennero che la donna, soggiogata in quello stato o volontariamente, si fosse radicalizzata e convertita alla fede islamica radicale nella forma più integralista e fosse stata sodale con i miliziani mercenari dello stato islamico, essi l’hanno quindi accusata di aver ordito il complotto, fingendo, inscenando la situazione di essere stata rapita e sequestrata con la violenza quindi portata nel casolare.

Bassema ha subito molteplici e numerose ingiurie e torture tra cui l’essere stata flagellata, battuta severamente con cavi, violentemente stuprata e tenuta legata ad una scala con corde ed altri mezzi e sistemi di coercizione per almeno una settimana quando inizialmente è stata imprigionata e detenuta quindi interrogata presso la Direzione dell’Anti-Terrorismo del “KRG”, il Governo Regionale del Kurdistan presso gli Uffici del “General Security Directorate of the “KRG”, il Governo Regionale del Kurdistan nella città di Dohuk quindi trasferita in prigione in stato di arresto e di detenzione.

Bassema è stata quindi portata e detenuta in maniera arbitraria con la sua piccola figlia nel carcere minorile della città di Erbil, nella regione del Kurdistan iracheno (KR-I). “Amnesty International” al riguardo di questa situazione è fortemente preoccupata ed è impegnata in modo ragguardevole in suo favore anche per le notizie degli abusi e degli atti di violenza, sia a livello fisico sia a livello morale da lei subiti in maniera terribile.

Bassema è al momento ancora detenuta presso la prigione “Women and Juvenile Prison”, situata nella regione del Kurdistan iracheno (KR-I) nella città di Erbil, con la sua bambina, la piccola figlia ed è madre di altri due figli. Se la sentenza dovesse esprimere un giudizio di condanna, potrebbe affrontare l’ergastolo, la condanna al carcere a vita ed ancora soffrire numerose altre tremende violazioni, privazioni e sofferenze animistiche e personali.

Si dovrà agire immediatamente perché Bassema Darwish Khidr Murad, questo è il suo nome completo, una donna Yezidi di 34 anni, sopravvissuta al rapimento perpetrato da parte dei miliziani mercenari dello stato islamico, possa presto essere sottoposta intanto ad un giusto ed equo processo legale ed essere giudicata in modo corretto in merito ai fatti accaduti ed alle prove raccolte inerenti alle sue responsabilità eventuali e possa ritornare presto libera con la sua piccola bambina ad abbracciare gli altri suoi parenti, gli altri suoi due piccoli figli e suo marito.

Dovranno essere esortate e si esortano le autorità a garantire che sia rispettato il suo legittimo diritto ad essere sottoposta ad un processo equo e giusto con un giudizio espresso in modo corretto e legale, comprendendo il suo diritto ad avere accesso ad un avvocato di sua fiducia che sia da lei scelto personalmente per l’assistenza legale, il suo diritto a non testimoniare ed a non rilasciare dichiarazioni che potrebbero comprometterla quindi esporre così a rischi la sua persona in maniera irrimediabile.

Si domanda inoltre che sia e possa essere garantita la presenza di osservatori indipendenti cui dovrebbe essere consentito il libero accesso agli interrogatori ed alle udienze processuali che la riguardano ed a condurre indagini indipendenti, imparziali e complete circa le torture, gli abusi e le violenze che dalla sua persona sono state subite e sofferte.

Dovrà essere garantito inoltre che le informazioni, le confessioni o le ammissioni delle responsabilità estorte e ricevute sotto tortura, violenza o coercizione siano e saranno dichiarate inammissibili come fonte di prova nel corso delle indagini e dei procedimenti nonché nel dibattimento processuale in atto nei confronti della sua persona basato su evidenze indiziarie.

Si chiede inoltre che possa essere garantito che Bassema possa essere ammessa a tutte le necessarie forme di assistenza e di cura medica e psico-sociale, così come alle consulenze, alle visite mediche ed ai follow-up, perché possa essere aiutata a superare il calvario, la terribile situazione così difficile e dura che sta affrontando in questo momento di cattività e di sofferenza.

L’augurio sia che presto Bassema e la sua piccola bambina siano presto liberate, che vengano presto liberate nella speranza che presto possano essere ricongiunte alla loro famiglia di origine ed ai loro affetti più cari quindi ricostruirsi una vita ed un’esistenza personale, domestica, familiare e sociale.

Riferimento: https://www.amnesty.org/en/documents/mde14/5390/2016/en/.

Allegati:
Documento n. 01:
Documento Amnesty International n. MDE145390201 (english);
Documento n. 02:
Documento Amnesty International n. MDE145390201 (arabic).

Benedetto Loprete

amnesty-iraq-fairtrialforbassema

Sul Sito:
21st february 2017:
The history of Bassema
, Yezidi woman and mother, survived to the violences of the mercenaries militiamen of the islamic state and to the tortures that were inflicted after her arrest.

Sul Blog:
21st february 2017:
The history of Bassema
, Yezidi woman and mother, survived to the violences of the mercenaries militiamen of the islamic state and to the tortures that were inflicted after her arrest.

IRAQ, Erbil

20th december 2016, 18:00:

The history of Bassema, Yezidi woman and mother, survived to the violences of the mercenaries militiamen of the islamic state and to the tortures that were inflicted after her arrest.

of Benedetto Loprete

Amnesty International:
Web Site:
https://www.amnesty.org/en/
Twitter:
@amnesty

AmnestyIraq:
Twitter:
@amnestyIraq

Hastag Twitter: #FairTrialForBassema

Bassema and her little girl will soon be free.

A woman ethnic Yezidi, survived to the kidnapping, to the captivity and to the brutal tortures, violences and aggressions that have been inflicted from the mercenaries militiamen of the islamic state, wrongly has been accused based on the anti-terrorism law and will have to face, after having been for a long time in state of preventive custody, a process hinged on circumstantial evidences that will be celebrated beginning to start from the date of the next 21st february 2017.

Bassema, following to the petitions and to the questions turned from “Amnesty International” and many activists through websites, blogs and written messages, shared and relayed on the social media and on the social networks, it would seem to have been admitted and will must to be subjected to a full and fair trial in the respect of the laws and of the norms which will must to follow the expression of a correct, fair and impartial judgment.

According to what has been declared from “Amnesty International”, it would seem that Bassema has been admitted to a first trial hearing having a preliminary and cognitive character inherent to the situation then to the events occured and to her personal situation, beyond the fact that they will still have to continue the investigations to ascertain the events that have occurred for which she was been then accused and arrested.

The case is not closed, it will have to be continued the investigations in order to reconstruct how the facts have effectively, really occured during the course of the operations of liberation from the kidnapping of the woman from her captors, in particular it will be necessary to understand as she has arrived there and in which times therefore to reconstruct her abduction and her kidnapping.

She has been brutally tortured and submitted to violences for at least an entire week after her arrest, that it is happened on the 2th october 2014 and has been forced to sign the preliminary acts and documents without even can reading them, to attest confessions of facts and actions that she never would have done or thought about doing and in this regard there would be not new evidences and testimonies that could emerge and attest to her favor, a dreadful situation, indeed really difficult, hard, where she is found to pour.

The facts are referred at the moment when Bassema has been arrested following to an attempt operated from the kurdish peshmerga to free her from the mercenaries militiamen of the islamic state that had seized her, and they have killed one officer and two soldiers attracting them in a treacherous trap.

Bassema so was afterwards arrested and accused of having them with a subterfuge deceived having hatched this trap, in the course of this dramatic circumstance, because to hasten to in this place where she was been segregated from her captors, of being practically conniver and their accomplice.

They have believed that the woman, subjugated in this state or voluntarily, she was been radicalized and converted to the islamic faith in the most radical fundamentalist form and she had been friendly with the mercenaries militiamen of the islamic state, they have then accused her of plotting a conspiracy, pretending, staging the situation of being kidnapped and abducted with the violence then taken to the cottage.

Bassema has suffered multiple and numerous injuries and tortures including being scourged, severely beaten with cables, violently raped and kept tied to a ladder with ropes and other means and systems of coercion for at least a week when initially she has been imprisoned and detained then interrogated near the Direction of the Anti-Terrorism of the “KRG”, the Kurdistan Regional Government near the Offices of the General Security Directorate of the “KRG”, the Kurdistan Regional Government of the city of Dohuk then transferred in prison in state of arrest and of detention.

Bassema has been then brought and detained in an arbitrary manner with her little daughter in the juvenile prison of the city of Erbil, in the region of the Kurdistan of the Iraq (KR-I). “Amnesty International” about this situation is deeply concerned and it is engaged in remarkable mode in her favor also with reports on the abuses and on the acts of violence, both on the physical level and on the moral level from her suffered in terrible manner.

Bassema is at the moment still detained near the prison “Women and Juvenile Prison”, situated in the region of the Kurdistan of the Iraq (KR-I) in the city of Erbil, with her child, the little daughter and she is mother of others two sons. If the sentence were to express the judgment as a condemnation, she could face the life imprisonment, the condemnation to the jail to life and still suffer numerous other animistic and personal tremendous violations, deprivations and suffering.

It will have to act immediately because Bassema Darwish Khidr Murad, this is her complete name, a woman Yezidi 34-years-old, survived to the kidnapping perpetrated from the mercenaries militiamen of the islamic state, may soon be subjected to a fair and equitable legal process and be judged correctly in relation to the events that have occurred and to the evidence gathered inherent to the possible responsibilities of her and can return soon free with her little child to embrace the others her relatives, her two little ones sons and her husband.

It will have to be exhorted and calling on the authorities to guarantee that it would be respected her legitimate right to be subjected to a fair and due process with a judgment expressed correctly and legally, including her right to have access to a lawyer of her choice to be chosen by her personally for the legal assistance, her right not to testify and not to make statements that might compromise then expose so to risks her person irremediably.

It asks also that it would be and it could be ensured the presence of independent observers which should have to be allowed the free access to the interrogations and to the court hearings concerning her and to conduct independent, impartial and complete investigations about the tortures, the abuses and the violences that from her person have been endured and suffered.

It will be guaranteed that the informations, the confessions or the admissions of the responsibilities extorted and received under torture, violence or duress should be and will be declared ineligible as a source of evidence in the course of the investigations and of the prosecution as well as during the trial proceedings underway against her person focused on circumstantial evidences.

It asks also that it could be guaranteed that Bassema could be admitted to all the necessary forms of medical and psycho-social assistance and care, as well as the consultations, the medical visits and the follow-up, so that she could be helped to overcome the ordeal, the terrible situation so difficult and hard she is facing in this moment of captivity and suffering.

The augury should be that soon Bassema and her little child should be freed, will be freed in the hope that soon she could be reunited with their family of origin and their dearer affections therefore to reconstruct a life and a personal, domestic, familiar and social existence.

References: https://www.amnesty.org/en/documents/mde14/5390/2016/en/.

Allegati:
Documento n. 01:
Documento Amnesty International n. MDE145390201 (english);
Documento n. 02:
Documento Amnesty International n. MDE145390201 (arabic).

Benedetto Loprete

IRAQ, Erbil

20 dicembre 2016, 18:00:

La storia di Bassema, donna e madre Yezidi, sopravvissuta alle violenze dei miliziani mercenari dello stato islamico ed alle torture che le sono state inferte dopo il suo arresto.

di Benedetto Loprete

Amnesty International:
Sito Web:
https://www.amnesty.org/en/
Twitter:
@amnesty

AmnestyIraq:
Twitter:
@amnestyIraq

Hastag Twitter: #FairTrialForBassema

Bassema e la sua piccola bambina siano presto libere.

Una donna di etnia Yezidi, sopravvissuta al rapimento, alla cattività ed alle brutali torture, violenze ed aggressioni che le sono state inferte da parte dei miliziani mercenari dello stato islamico, è stata accusata ingiustamente in base alla legge anti-terrorismo e dovrà affrontare, dopo essere stata per lungo tempo in stato di custodia preventiva, un processo imperniato su evidenze indiziarie che dovrà essere celebrato a partire dalla data del prossimo 21 febbraio 2017.

Bassema, in seguito alle petizioni ed alle domande rivolte da “Amnesty International” e da tanti attivisti attraverso siti, blog e messaggi scritti, condivisi e rilasciati sui social media e sui social networks, sembrerebbe che sia stata ammessa e dovrà essere sottoposta ad un giusto ed equo processo nel rispetto delle leggi e delle norme da cui dovrà seguire l’espressione di un giudizio corretto, equo ed imparziale.

Stando a quanto sia stato dichiarato da “Amnesty International”, sembrerebbe che Bassema sia stata ammessa ad una prima udienza processuale avente un carattere di ordine preliminare e conoscitivo inerente alla situazione accaduta quindi agli eventi accaduti ed alla sua situazione personale, al di là del fatto che dovranno ancora proseguire le indagini per l’accertamento dei fatti accaduti per cui è stata accusata quindi arrestata.

Il caso non è chiuso, dovranno essere proseguite le indagini per accertare come si siano effettivamente, realmente svolti i fatti durante il corso delle operazioni di liberazione dal sequestro della donna dai suoi aguzzini, in particolare sarà necessario capire come sia arrivata lì ed in quali tempi quindi ricostruire il suo rapimento ed il suo sequestro.

Lei è stata brutalmente torturata e sottoposta a violenze per almeno un’intera settimana dopo il suo arresto, che è avvenuto il 25 ottobre 2014 ed è stata costretta a firmare degli atti e dei documenti preliminari senza poterli nemmeno leggere, per attestare confessioni di fatti e di azioni che mai lei avrebbe compiuto o pensato di compiere ed al riguardo non ci sarebbero nuove prove e testimonianze che potrebbero emergere ed attestare in suo favore, una situazione drammatica, davvero molto difficile, dura, in cui lei si è trovata a versare.

I fatti sono riferiti al momento in cui Bassema è stata arrestata, in seguito ad un tentativo operato dai peshmerga curdi di liberarla dai miliziani mercenari dello stato islamico che l’avevano sequestrata e questi ultimi ne uccisero un ufficiale e due soldati attirandoli in un tranello a tradimento.

Bassema fu così in seguito arrestata ed accusata di averli con un sotterfugio tratti in inganno avendo ordito quella trappola, nel corso di quella drammatica circostanza, perché accorressero in quel luogo dove era stata segregata dai suoi aguzzini, di essere praticamente connivente e loro complice.

Essi ritennero che la donna, soggiogata in quello stato o volontariamente, si fosse radicalizzata e convertita alla fede islamica radicale nella forma più integralista e fosse stata sodale con i miliziani mercenari dello stato islamico, essi l’hanno quindi accusata di aver ordito il complotto, fingendo, inscenando la situazione di essere stata rapita e sequestrata con la violenza quindi portata nel casolare.

Bassema ha subito molteplici e numerose ingiurie e torture tra cui l’essere stata flagellata, battuta severamente con cavi, violentemente stuprata e tenuta legata ad una scala con corde ed altri mezzi e sistemi di coercizione per almeno una settimana quando inizialmente è stata imprigionata e detenuta quindi interrogata presso la Direzione dell’Anti-Terrorismo del “KRG”, il Governo Regionale del Kurdistan presso gli Uffici del “General Security Directorate of the “KRG”, il Governo Regionale del Kurdistan nella città di Dohuk quindi trasferita in prigione in stato di arresto e di detenzione.

Bassema è stata quindi portata e detenuta in maniera arbitraria con la sua piccola figlia nel carcere minorile della città di Erbil, nella regione del Kurdistan iracheno (KR-I). “Amnesty International” al riguardo di questa situazione è fortemente preoccupata ed è impegnata in modo ragguardevole in suo favore anche per le notizie degli abusi e degli atti di violenza, sia a livello fisico sia a livello morale da lei subiti in maniera terribile.

Bassema è al momento ancora detenuta presso la prigione “Women and Juvenile Prison”, situata nella regione del Kurdistan iracheno (KR-I) nella città di Erbil, con la sua bambina, la piccola figlia ed è madre di altri due figli. Se la sentenza dovesse esprimere un giudizio di condanna, potrebbe affrontare l’ergastolo, la condanna al carcere a vita ed ancora soffrire numerose altre tremende violazioni, privazioni e sofferenze animistiche e personali.

Si dovrà agire immediatamente perché Bassema Darwish Khidr Murad, questo è il suo nome completo, una donna Yezidi di 34 anni, sopravvissuta al rapimento perpetrato da parte dei miliziani mercenari dello stato islamico, possa presto essere sottoposta intanto ad un giusto ed equo processo legale ed essere giudicata in modo corretto in merito ai fatti accaduti ed alle prove raccolte inerenti alle sue responsabilità eventuali e possa ritornare presto libera con la sua piccola bambina ad abbracciare gli altri suoi parenti, gli altri suoi due piccoli figli e suo marito.

Dovranno essere esortate e si esortano le autorità a garantire che sia rispettato il suo legittimo diritto ad essere sottoposta ad un processo equo e giusto con un giudizio espresso in modo corretto e legale, comprendendo il suo diritto ad avere accesso ad un avvocato di sua fiducia che sia da lei scelto personalmente per l’assistenza legale, il suo diritto a non testimoniare ed a non rilasciare dichiarazioni che potrebbero comprometterla quindi esporre così a rischi la sua persona in maniera irrimediabile.

Si domanda inoltre che sia e possa essere garantita la presenza di osservatori indipendenti cui dovrebbe essere consentito il libero accesso agli interrogatori ed alle udienze processuali che la riguardano ed a condurre indagini indipendenti, imparziali e complete circa le torture, gli abusi e le violenze che dalla sua persona sono state subite e sofferte.

Dovrà essere garantito inoltre che le informazioni, le confessioni o le ammissioni delle responsabilità estorte e ricevute sotto tortura, violenza o coercizione siano e saranno dichiarate inammissibili come fonte di prova nel corso delle indagini e dei procedimenti nonché nel dibattimento processuale in atto nei confronti della sua persona basato su evidenze indiziarie.

Si chiede inoltre che possa essere garantito che Bassema possa essere ammessa a tutte le necessarie forme di assistenza e di cura medica e psico-sociale, così come alle consulenze, alle visite mediche ed ai follow-up, perché possa essere aiutata a superare il calvario, la terribile situazione così difficile e dura che sta affrontando in questo momento di cattività e di sofferenza.

L’augurio sia che presto Bassema e la sua piccola bambina siano presto liberate, che vengano presto liberate nella speranza che presto possano essere ricongiunte alla loro famiglia di origine ed ai loro affetti più cari quindi ricostruirsi una vita ed un’esistenza personale, domestica, familiare e sociale.

Riferimento: https://www.amnesty.org/en/documents/mde14/5390/2016/en/.

Allegati:
Documento n. 01:
Documento Amnesty International n. MDE145390201 (english);
Documento n. 02:
Documento Amnesty International n. MDE145390201 (arabic).

Benedetto Loprete

amnesty-iraq-fairtrialforbassema

Sul Sito:
20th december 2016:
The history of Bassema
, Yezidi woman and mother, survived to the violences of the mercenaries militiamen of the islamic state and to the tortures that were inflicted after her arrest.

Sul Blog:
20th december 2016:
The history of Bassema
, Yezidi woman and mother, survived to the violences of the mercenaries militiamen of the islamic state and to the tortures that were inflicted after her arrest.

Save the Children

22nd november 2016, 17:05:

Rescued in sea more of 400 migrants people.

of Benedetto Loprete

Web Site: https://www.savethechildren.it/
Twitter: @SaveChildrenIT
.

Hashtag: #SaveChildrenAtSea.

Jointly to the Coast-Guard during the night the vessel “Vos-Hestia” has rescued in sea more of 400 migrants people, including many children.

Source:
https://twitter.com/SaveChildrenIT/status/801109027350409216.

Benedetto Loprete

Save the Children

22 novembre 2016, 17:05:

Salvate in mare piĂą di 400 persone migranti.

di Benedetto Loprete

Sito Web: https://www.savethechildren.it/
Twitter: @SaveChildrenIT
.

Hashtag: #SaveChildrenAtSea.

Insieme alla Guardia Costiera durante la notte la nave “Vos-Hestia” ha soccorso in mare piĂą di 400 persone migranti, tra cui molti bambini.

Riferimento:
https://twitter.com/SaveChildrenIT/status/801109027350409216.

Benedetto Loprete

Source-Riferimento:
https://twitter.com/SaveChildrenIT/status/801109027350409216
.
Photos-Fotografie: Save the Children Italia, Press Direction.

Sul Sito:
22nd november 2016, 17:05:
Rescued in sea more of 400 migrants people.
22 novembre 2016, 17:05:
Salvate in mare piĂą di 400 persone migranti.

Sul Blog:
22nd november 2016, 17:05:
Rescued in sea more of 400 migrants people.
22 novembre 2016, 17:05:
Salvate in mare piĂą di 400 persone migranti.

Save the Children

22nd november 2016, 08:10:

They have rescued in sea more of 400 migrants people.

of Benedetto Loprete

Save The Children United Kingdom, Press Direction
Web Site: https://www.savethechildren.org.uk/
Twitter: @SaveUKNews
.

During the night the teams employed in the operations for the assistance and rescue on board of the vessel “Vos-Hestia” have rescued in sea more of 400 migrants people, including many children from a wooden boat adrift in difficulties during the phases of floatation and navigation.

They are now all in safe on board on the vessel “Vos-Hestia” used in the course of the rescue, aid and assistance operations.

Source:
https://twitter.com/SaveUKNews/status/800973724732231680
.

Benedetto Loprete

Save the Children

22 novembre 2016, 08:10:

Essi hanno salvato in mare piĂą di 400 persone migranti.

di Benedetto Loprete

Save The Children Italia, Press Direction
Sito Web: https://www.savethechildren.org.uk/
Twitter: @SaveUKNews
.

Durante la notte le squadre impiegate nelle operazioni per l’assistenza ed il soccorso a bordo della nave “Vos-Hestia” hanno soccorso in mare più di 400 persone migranti, tra cui molti bambini da un barcone di legno alla deriva in difficoltà durante le fasi di galleggiamento e di navigazione.

Essi sono ora al sicuro a bordo della nave “Vos-Hestia” usata nel corso delle operazioni di soccorso, aiuto ed assistenza.

Riferimento:
https://twitter.com/SaveUKNews/status/800973724732231680
.

Benedetto Loprete

Source-Riferimento:
https://twitter.com/SaveUKNews/status/800973724732231680
.
Photos-Fotografie: Save the Children, Press Direction.

Sul Sito:
22nd november 2016, 08:10:
They have rescued in sea more of 400 migrants people.
22 novembre 2016, 08:10:
Essi hanno salvato in mare piĂą di 400 persone migranti.

Sul Blog:
22nd november 2016, 08:10:
They have rescued in sea more of 400 migrants people.
22 novembre 2016, 08:10:
Essi hanno salvato in mare piĂą di 400 persone migranti.

Island of Lampedusa (Agrigento, Italy), 5th november 2016, 21:10:

The embrace

of Benedetto Loprete

Very beautiful and tender the embrace of this child escaped from a zone of violence and war, His very sweet and tender embrace is for all of us, we hope for this child in a future of PEACE. Good Sunday.
Very beautiful is to see His embrace and for Him is a very sweet and tender embrace, a caress and a big kiss. PEACE.

Benedetto Loprete

Source: https://twitter.com/giusi_nicolini/status/795009821447753728.

Isola di Lampedusa (Agrigento, Italia), 5 novembre 2016, 21:10:

L’abbraccio…

di Benedetto Loprete

Bellissimo e tenerissimo l’abbraccio di questo bambino fuggito da una zona di violenza e di guerra, il Suo dolcissimo abbraccio è per tutti noi, speriamo per il piccolo in un futuro di PACE. Buona Domenica.
Bellissimo vedere il suo abbraccio e per Lui è un dolcissimo e tenero abbraccio, una carezza ed un grande bacio. PACE.

Benedetto Loprete

Riferimento: https://twitter.com/giusi_nicolini/status/795009821447753728.

Sul Sito:
Island of Lampedusa (Agrigento, Italy), 5th november 2016, 21:10:
The embrace
Isola di Lampedusa (Agrigento, Italia), 5 novembre 2016, 21:10:
L’abbraccio…

Sul Blog:
Island of Lampedusa (Agrigento, Italy), 5th november 2016, 21:10:
The embrace
Isola di Lampedusa (Agrigento, Italia), 5 novembre 2016, 21:10:
L’abbraccio…

Save the Children

5th november 2016, 12:30:

The history of the little beautiful Hakim and of her little mother Amai.

of Benedetto Loprete

Save The Children Italia, Press Direction:
Web Site: https://www.savethechildren.it/.
Twitter: @SaveChildrenIT
.

The little beautiful Hakim was born few days after the arrival in Greece of his little mother Amai, just 16 years old, she was escaped from Iraq owing to the brutal and hard violence and persecution that she has suffered.

It is beautiful to see his smile and to Him and to His little Mother a sweet and tender embrace, a caress and a big kiss. PEACE.

Source: https://twitter.com/SaveChildrenIT/status/794879451184173056.

Benedetto Loprete

Save the Children

5 novembre 2016, 12:30:

La storia del piccolo bellissimo Hakim e della Sua piccola mamma Amai.

di Benedetto Loprete

Save The Children Italia, Press Direction:
Web Site: https://www.savethechildren.it/.
Twitter: @SaveChildrenIT
.

Il piccolo bellissimo Hakim è nato pochi giorni dopo l’arrivo in Grecia della Sua piccola mamma Amai, di appena 16 anni di età, fuggita dall’Iraq a causa delle brutali e dure violenze e delle persecuzioni che lei ha subito.

E’ bellissimo vedere il suo sorriso ed a Lui ed alla Sua piccola Mamma un dolcissimo e tenero abbraccio, una carezza ed un grande bacio. PACE.

Riferimento: https://twitter.com/SaveChildrenIT/status/794879451184173056.

Benedetto Loprete

Riferimento:
https://twitter.com/SaveChildrenIT/status/794879451184173056.
Photo-Fotografia: Sacha Myers, Save the Children, Press Direction.

Sul Sito:
5th november 2016, 12:30:
The history of the little beautiful Hakim and of her little mother Amai.
5 novembre 2016, 12:30:
La storia del piccolo bellissimo Hakim e della Sua piccola mamma Amai.

Sul Blog:
5th november 2016, 12:30:
The history of the little beautiful Hakim and of her little mother Amai.
5 novembre 2016, 12:30:
La storia del piccolo bellissimo Hakim e della Sua piccola mamma Amai.